» Details

Il parlato nella scrittura italiana odierna

Ferrari, Angela / De Cesare, Anna-Maria

Il parlato nella scrittura italiana odierna

Riflessioni in prospettiva testuale

Year of Publication: 2010

Bern, Berlin, Bruxelles, Frankfurt am Main, New York, Oxford, Wien, 2010. 268 p., num. tab.
ISBN 978-3-0343-0404-7 br.  (Softcover)
ISBN 978-3-0351-0101-0 (eBook)

Weight: 0.400 kg, 0.882 lbs

available Softcover
available PDF
 
  • Softcover:
  • SFR 83.00
  • €* 74.00
  • €** 76.10
  • € 69.20
  • £ 55.00
  • US$ 89.95
  • Softcover

» Currency of invoice * includes VAT – valid for Germany and EU customers without VAT Reg No
** includes VAT - only valid for Austria

Discipline

Book synopsis

La scrittura italiana contemporanea non lette-raria si è oramai appropriata di strutture linguistiche che la norma tradizionale confinerebbe al parlato, e che effettivamente fino a qualche decina d’anni fa appartenevano solo all’orale. Il fenomeno coinvolge tutti i livelli linguistici: lessico, morfologia, sintassi, punteggiatura, testo. Ma, al di là di questo suo aspetto ‘pan-strutturale’, qual è la reale estensione del fenomeno? Quali le precise forme della sua manifestazione, e quale la sua ragion d’essere?
Gli studi qui proposti si configurano come un piccolo insieme di analisi di strutture linguistiche che possono essere considerate come particolarmente rappresentative e adeguate a offrire un contributo alla comprensione dell’assorbimento del parlato nella scrittura italiana odierna. Il loro taglio è volutamente diverso, in modo da individuare le molteplici sfaccettature del problema. Li accomuna la stessa ipotesi di fondo: lo scritto si appropria di quelle strutture linguistiche orali che sono provviste di una motivazione testuale, vale a dire che portano iscritte nella loro forma caratteristiche semantiche e informative che le rendono preziose per mettere in scena in modo univoco e trasparente l’architettura del testo.

Contents

Contenuto: Angela Ferrari: Premessa – Angela Ferrari: Riflettere sul parlato nello scritto. Obiettivi, ipotesi, metodi, problemi – Anna-Maria De Cesare: La scrittura italiana odierna, tra modi dell’italiano parlato e della scrittura anglo-americana – Letizia Lala: L’incapsulatore anaforico cosa nell’orale e nello scritto – Magda Mandelli: Le ‘vesti’ testuali del discorso diretto nel parlato e nello scritto – Anna-Maria De Cesare: Gli impieghi di ecco nel parlato conversazionale e nello scritto giornalistico – Angela Ferrari: Repetita iuvant. Note sulla ripetizione lessicale nella scrittura contemporanea (non letteraria) – Carlo Enrico Roggia: Una varietà dell’italiano tra scritto e parlato: la scrittura degli apprendenti – Valeria Buttini: Le dislocazioni sintattiche: un fenomeno del parlato nello scritto in un corpus di grammatiche per apprendenti stranieri – Roska Stojmenova: Il fenomeno dell’‘inserzione sintattica’: dai giornali italiani a La Voce del Popolo di Fiume.

About the author(s)/editor(s)

Angela Ferrari è Professore Ordinario di linguistica italiana presso l’Università di Basilea. La sua ricerca si situa nell’ambito della linguistica del testo teorica e applicata all’italiano contemporaneo, concentrandosi in particolare sui modi in cui le scelte lessicali, sintattiche e interpuntive influenzano e sono influenzate dall’architettura del testo, in generale e nelle sue diverse tipologie. Dal 2003 al 2009 ha diretto due progetti di ricerca del Fondo Nazionale Svizzero: La struttura informativa dell’enunciato scritto (in italiano contemporaneo non letterario) e Le strutture sintattiche dell’orale nella scrittura italiana contemporanea (non letteraria). Una rivisitazione informativa e testuale del fenomeno.
Anna-Maria De Cesare è Professore Incaricato di linguistica italiana all’Università di Basilea. Dal 2003 al 2009 ha partecipato, in quanto collaboratrice scientifica del Fondo Nazionale Svizzero, a due progetti di ricerca diretti da Angela Ferrari. Si è occupata soprattutto di lessico (avverbi modali, focalizzanti e intensificativi) e di sintassi (in particolare dei costrutti marcati), rilevandone le proprietà nell’ambito della frase, del testo, e in chiave contrastiva (italiano-inglese, italiano-tedesco).