» Details

Memoria in <I>Noir</I>

Jansen, Monica / Khamal, Yasmina (cur.)

Memoria in Noir

Un'indagine pluridisciplinare

Series: Moving texts / Testi mobili - Volume 3

Year of Publication: 2010

Bruxelles, Bern, Berlin, Frankfurt am Main, New York, Oxford, Wien, 2010. 313 p.
ISBN 978-90-5201-667-2 br.  (Softcover)

Weight: 0.440 kg, 0.970 lbs

available Softcover
 
  • Softcover:
  • SFR 54.00
  • €* 47.60
  • €** 49.00
  • € 44.50
  • £ 36.00
  • US$ 57.95
  • Softcover

» Currency of invoice * includes VAT – valid for Germany and EU customers without VAT Reg No
** includes VAT - only valid for Austria

Book synopsis

Trasmettere la memoria attraverso un genere d’intrattenimento quale il noir può sembrare paradossale. Invece è proprio il romanzo poliziesco, a partire dagli anni Settanta, a evidenziarne i nodi gordiani e i lati oscuri spesso rimossi dalla Storia ufficiale. Un’operazione complessa nel caso italiano, in cui il passato nazionale rimane dilaniato da fratture interne e la cultura di massa non sempre viene ritenuta il veicolo ideale per trasformare la memoria in strumento conoscitivo. Tali dilemmi vengono affrontati in un’ottica pluridisciplinare che spazia dalla semiotica alla psicologia e alla storia, passando da analisi testuali ad approcci intermediali. Mettendo a confronto le dimensioni temporali, spaziali e identitarie del passato con le forme della letteratura d’inchiesta, il volume indaga la presenza o meno di una base unitaria per la memoria italiana.

Contents

Contenuto: Monica Jansen/Yasmina Khamal: Introduzione. Quale memoria per il noir italiano? – Raffaella Petrilli: La memoria in noir. Ricordo e anamnesi – Giovanna Leone: Sceneggiare Maigret. Indagini su una Parigi italiana – Elfriede Müller : L’écriture d’histoire dans le roman noir français après 1968 – Girolamo De Michele: Afferrare Proteo. Dire l’indicibile nel paese dei misteri – Marco Amici: Dall’epopea criminale all’ambiguità dei giorni nostri. Alcune considerazioni su Romanzo criminale e Nelle mani giuste di Giancarlo De Cataldo – Gert Sørensen: Letteratura noir e storiografia. Le voci del doppio Stato in Romanzo criminale di De Cataldo – Alberto Casadei: Gomorra e il naturalismo 2.0 – Yasmina Khamal: Dalla Civetta al Lupo. Itinerari paratopici a confronto – Luca Somigli: La presenza del passato. Storia e cronaca nella narrativa di Loriano Macchiavelli – Marta Forno: Piero Colaprico e Pietro Valpreda. Quando la memoria del passato diventa un atto di giustizia nel presente – Maria Pia De Paulis-Dalembert: Corrado Augias, Quella mattina di luglio. La capitolazione del fascismo tra finzione poliziesca e realtà storica – Paolo Chirumbolo: «Non ci stiamo!» La Resistenza partigiana di Benedetto Santovito e quella letteraria di Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli – Alessia Risi: Dalle microstorie di Grazia Verasani alla costruzione del sociale. Analisi delle trame secondarie in Quo Vadis, Baby? e Velocemente da nessuna parte – Franca Pellegrini: Il «giallo» italiano contemporaneo. Memoria e rappresentazione dell’identità nazional-regionale – Daniele Comberiati: «La verità è nel fondo di un pozzo». La costruzione dell’inchiesta nei romanzi di Amara Lakhous – William Hope: Gabriele Salvatores’s Quo Vadis, Baby? Investigating the State, the Individual, and Institutionalized Crime – Minne G. de Boer: Riflessioni intorno ad una tipologia del giallo storico – Claudia Canu: Letture sulla storia attraverso il noir. Esplorazione della dimensione simbolica nell’opera di Giorgio Todde – Costantino Maeder: Lucarelli, Coliandro e Il giorno del lupo ossia la parabola del riconoscimento negato – Claudio Milanesi: Simone Sarasso, Giangiacomo Feltrinelli e il New Italian Epic. Appunti su storia e romanzo.

About the author(s)/editor(s)

Monica Jansen è docente di letteratura e cultura italiana contemporanea all’Università di Utrecht e collabora con il dipartimento di Studi Italiani dell’Università di Anversa. A partire dal suo libro Il dibattito sul postmoderno in Italia. In bilico tra dialettica e ambiguità (2002), i suoi interessi di ricerca si concentrano su culture (post)postmoderne e culture della memoria.
Yasmina Khamal ha compiuto i suoi studi universitari all’Université catholique de Louvain (UCL) e ha collaborato in Italia a corsi di lingua, linguistica e letteratura francese. A Bruxelles, ha organizzato un laboratorio di scrittura per studenti allofoni. Attualmente assistente e ricercatrice presso il Centro di Studi Italiani dell’UCL, svolge un dottorato incentrato sull’analisi discorsiva del giallo italiano contemporaneo e si occupa di laboratori di lingua e letteratura italiana.

Series

Testi mobili. Vol. 3
Edito da Monica Jansen, Costantino Maeder e Inge Lanslots