Show Less
Restricted access

Linguaggio e comicità

Lingua, dialetti e mistilinguismo nell’intrattenimento comico italiano tra vecchi e nuovi media

Sandra Covino and Vincenzo Faraoni

Il comico e le molteplici manifestazioni del riso sono stati già ampiamente indagati da vari punti di vista: filosofico, letterario, psicologico, drammaturgico, musicale e, non ultimo, linguistico. Ciò nonostante, lo sviluppo delle comunicazioni di massa e dei contesti sociali caratterizzati dal contatto di varietà e di lingue diverse impongono di aggiornare la riflessione su strutture ed espedienti del linguaggio comico, che da una parte presenta strategie ricorrenti e linee di continuità nel tempo e nello spazio, d’altro canto, però, appare fortemente legato al contesto culturale e alle regole pragmatiche della comunità che di volta in volta lo esprime.

Il volume si propone di puntare l’obiettivo sulla realtà italiana e sullo sfruttamento a fini comici e parodici del suo ricco repertorio linguistico, contraddistinto, storicamente ma anche nella vicenda contemporanea, da una particolare vitalità delle varietà locali e dall’apertura a ibridazioni di vario tipo, interne ed esterne al diasistema di riferimento.

Show Summary Details
Restricted access

Introduzione (Sandra Covino / Vincenzo Faraoni)

Extract

Sandra Covino, Vincenzo Faraoni

Introduzione*

1. L’idea di dedicare una raccolta di saggi all’esplorazione linguistica della comicità, «un territorio – come scrive Emanuele Banfi nel contributo di apertura (p. 22) – dai confini incerti, segnato non da nette cesure bensì da vaste zone grigie ove allignano categorie contigue quali sono le molte e diverse forme dell’umorismo, dell’ironia, della satira, del grottesco, della parodia, del centone, del pastiche», può apparire troppo ambiziosa o comunque superflua. Il comico e le molteplici manifestazioni del riso sono stati già ampiamente indagati da vari punti di vista: filosofico, letterario, psicologico e psicoanalitico, semiotico, drammaturgico, musicale e, non ultimo, linguistico. Ciò nonostante, a vent’anni dalla pubblicazione del volume curato dallo stesso Banfi, Sei lezioni sul linguaggio comico (Trento, 1995), ci è sembrato opportuno tornare a riflettere su strutture ed espedienti della comunicazione comica, che da una parte presenta strategie ricorrenti e linee di continuità nel tempo e nello spazio, d’altro canto però appare fortemente legata al contesto culturale e alle regole pragmatiche della comunità che di volta in volta la produce. L’esigenza di una rinnovata riflessione è infatti suggerita, se non imposta, da importanti fattori di mutamento: anzitutto, lo sviluppo delle comunicazioni di massa, dei nuovi media, ovvero delle forme di intrattenimento e delle modalità di fruizione post-televisiva veicolate dalla rete; altrettanto notevoli le trasformazioni della realtà sociale italiana, caratterizzata dal contatto di varietà e di lingue diverse in comunità e contesti sempre più multietnici; senza contare poi che gli strumenti della linguistica scientifica, applicabili all’esame...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.