Show Less

Il parlato nella scrittura italiana odierna

Riflessioni in prospettiva testuale

Edited By Angela Ferrari and Anna-Maria De Cesare

La scrittura italiana contemporanea non lette-raria si è oramai appropriata di strutture linguistiche che la norma tradizionale confinerebbe al parlato, e che effettivamente fino a qualche decina d’anni fa appartenevano solo all’orale. Il fenomeno coinvolge tutti i livelli linguistici: lessico, morfologia, sintassi, punteggiatura, testo. Ma, al di là di questo suo aspetto ‘pan-strutturale’, qual è la reale estensione del fenomeno? Quali le precise forme della sua manifestazione, e quale la sua ragion d’essere?
Gli studi qui proposti si configurano come un piccolo insieme di analisi di strutture linguistiche che possono essere considerate come particolarmente rappresentative e adeguate a offrire un contributo alla comprensione dell’assorbimento del parlato nella scrittura italiana odierna. Il loro taglio è volutamente diverso, in modo da individuare le molteplici sfaccettature del problema. Li accomuna la stessa ipotesi di fondo: lo scritto si appropria di quelle strutture linguistiche orali che sono provviste di una motivazione testuale, vale a dire che portano iscritte nella loro forma caratteristiche semantiche e informative che le rendono preziose per mettere in scena in modo univoco e trasparente l’architettura del testo.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Premessa Angela Ferrari 7

Extract

ANGELA FERRARI Premessa Il volume1 presenta una parte dei risultati legati al progetto di ricerca sostenuto dal Fondo Nazionale Svizzero per la Ricerca Scientifica intito- lato Les structures syntaxiques de l’oral dans l’écriture italienne con- temporaine (non littéraire). Une revisitation informationnelle et textuelle du phénomène (Pr. FNRS 001-116900) e diretto da Angela Ferrari. Esso comprende due interventi introduttivi di carattere generale: - Riflettere sul parlato nello scritto. Obiettivi, ipotesi, metodi, pro- blemi, Angela Ferrari - La scrittura italiana odierna, tra modi dell’italiano parlato e della scrittura anglo-americana, Anna-Maria De Cesare e un insieme di lavori più specifici, che affrontano configurazioni lingui- stiche particolarmente pertinenti per illustrare e convalidare le ipotesi sostenute nei primi due articoli: - L’incapsulatore anaforico cosa nell’orale e nello scritto, Letizia Lala - Le ‘vesti’ testuali del discorso diretto nel parlato e nello scritto, Magda Mandelli - Gli impieghi di ecco nel parlato conversazionale e nello scritto gior- nalistico, Anna-Maria De Cesare - Repetita iuvant. Note sulla ripetizione lessicale nella scrittura con- temporanea (non letteraria), Angela Ferrari - Una varietà dell’italiano tra scritto e parlato: la scrittura degli ap- prendenti, Carlo Enrico Roggia. A questi lavori – pensati, discussi e redatti dagli studiosi direttamente coinvolti nel progetto – se ne aggiungono altri due, scritti da due giovani 1 Un sentito grazie a Roska Stojmenova per la cura dell’aspetto tipografico del volume. Angela Ferrari 8 ricercatrici: il primo, di Valeria Buttini (Le dislocazioni sintattiche: un fenomeno del parlato nello scritto in un corpus di grammatiche per...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.