Show Less

Carlo Donato Cossoni (1623-1700)

Catalogo tematico

Series:

Claudio Bacciagaluppi and Luigi Collarile

Di Carlo Donato Cossoni (1623-1700) sono conservate diverse migliaia di pagine autografe. Questa eccezionale circostanza rappresenta il punto di partenza di questo catalogo, pensato come uno strumento per studiare più a fondo i contesti nei quali il musicista è stato attivo: in particolare, la cappella del Duomo di Como, quella di S. Petronio a Bologna, quella del Duomo di Milano.
Oltre a un catalogo delle composizioni e delle fonti che le trasmettono, il volume comprende una scheda biografica e un’ampia introduzione nella quale sono raccolti i frutti di un’indagine sul repertorio, sulla sua trasmissione e ricezione, sul sistema dei generi e degli stili adottati, su alcune questioni di prassi esecutiva.
An English summary of the introduction and bilingual instructions on how to use the catalogue are provided.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Stampe 287

Extract

op. i1 (1665) Canto | delli Motetti | A Due, e Tre voci, con le Letanie della B‹eata› V‹ergine› Maria à 3. | Consagrati all’immortalità del nome | dell’Ill‹ustrissi›mo Sig‹no›r Marchese | Alessandro Fachenetti | Dignissimo Presidente Perpetuo di S. Petronio di Bologna | Dà Carlo Donato Cossoni | Primo Orga- | nista in detta Basilica. | Opera prima. Venezia: Francesco Magni detto Gardano, 1665 4 parti in-4°: c, a, b, org Esemplari: I-Baf, I-Bc, I-Rsmt, PL-WRu (c, a, b, org: mutilo), S-Uu Simi Bonini, Santa Maria in Trastevere, pp. 304-305 Rism, c 4199. Dedica: al marchese Alessandro Fachenetti. Ill‹ustrissi›mo Sig‹no›r Patrone Col‹endissi›mo Col Chiaro nome di V‹ostra› Sig‹noria› Illustrissima do splendore à questo oscu- rissimo parto, che nel punto de suoi natali ossequiosame‹n›te le consacro. Non però dissegno d’accrescere numero à gl’infiniti pregi di generosa Nobiltà, Eroica virtù, e sublime grandezza, de quali ella và colma, mà desidero d’arrichirmi col pretioso Tesoro, che attendo dal patrocinio del suo gran Nome. Come tributo di servo volano divoti questi fogli à suoi piedi con isperanza, che non isdegnerà l’o- chio di rimirarli cortese su queste riverentissime carte. Se le Sacrate Porpore de gl’Eminentissimi Fratello, e Zio, e i Camauri sacri del gran Proavo resero dome- stici nel suo gran sangue luminosi splendori di gloria, degnisi V‹ostra› Sig‹noria› Illustrissima compartire alle tenebre di questi fogli un sol raggio, acciò aquistino nel Mondo virtuoso splendore, & à i Critici Censori si renda abbacinata la mali- gnità della vista. Mentre io sapendo,...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.