Show Less

Schöne Kunst und reiche Tafel: über die Bilder der Speisen in Literatur und Kunst / Belle arti e buona tavola: sul significato delle pietanze nell’arte e nella letteratura

Beiträge der Tagungen Gießen (11./12. Oktober 2014) und Urbino (14./15. Oktober 2014) / Atti dei convegni di Gießen (11/12 ottobre 2014) e Urbino (14/15 ottobre 2014)

Series:

Edited By Sandra Abderhalden, Michael Dallapiazza and Lorenzo Macharis

Dieser Band versammelt Beiträge zweier Tagungen zur Bedeutung von Essen und Trinken in Kunst und Literatur. Im Zentrum stehen Esskulturen und Praktiken vorrangig in der deutschen und italienischen Literatur vom Mittelalter bis zur Neuzeit. Der mehrsprachige, komparatistisch ausgerichtete Tagungsband spiegelt die Vielfältigkeit des kulinarischen Themas in literarischen und künstlerischen Werken auf umfassende Weise wider.
Questo volume raccoglie i contributi di due conferenze sul significato del cibo e delle bevande nell’arte e nella letteratura. Pietra angolare del libro è il tema delle culture e delle pratiche alimentari, illustrate con particolare attenzione alle letterature italiana e tedesca, dal medioevo ai nostri giorni. Partendo da una prospettiva comparatistica, il volume plurilingue rispecchia in modo esemplare la molteplicità del tema nelle tradizioni dell’arte e della letteratura.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Il gusto del romanticismo: nota sulla figura del cibo in Goethe e Hölderlin (Lorenzo Macharis)

Extract

lorenzo Macharis Il gusto del romanticismo: nota sulla figura del cibo in Goethe e Hölderlin Abstract: Il romanticismo segna una svolta nella storia della sensibilità estetica: il gusto diventa il senso protagonista di una nuova interpretazione dell’arte e della bellezza� L’articolo si muove nell’epoca- chiave di tale mutamento, proponendosi di mettere in luce le sue conseguenze fondamentali per la modernità� Il problema storico ed estetico, che investe tutta la cultura europea, viene illustrato e approfondito con due letture da Goethe e da Hölderlin. Keywords: romanticismo, estetica, gusto, arte, modernità, Goethe, Hölderlin I. Il romanticismo e il problema del gusto Un famoso adagio latino recita con prudenza: de gustibus non disputandum est� Sui gusti, non si discute� Forse perché la questione del gusto è complicata da disbrogliare, perché nessuna discussione ne viene a capo� Dopo secoli e secoli di critica da Platone ai nostri giorni, non esiste una definizione univoca, completa e incontestabile del bello (e del buono)� È nel carattere del nostro tempo credere che non si troverà mai – e questo forse spiega perché il detto sia così popolare� Inutile menare il can per l’aia – pare che dicano i più –, se la babele dei gusti è destinata a rimanere in piedi, tanto vale non tormentarcisi� Basta alzare le spalle, e dire: de gustibus… A scapito del proverbio e del senso comune, però, la questione del gu- sto è sempre stata oggetto di disputa, e continua più o meno spavaldamente a esserlo� C’è da chiedersi tuttavia se lo rimarrà ancora a lungo,...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.