Show Less

Schöne Kunst und reiche Tafel: über die Bilder der Speisen in Literatur und Kunst / Belle arti e buona tavola: sul significato delle pietanze nell’arte e nella letteratura

Beiträge der Tagungen Gießen (11./12. Oktober 2014) und Urbino (14./15. Oktober 2014) / Atti dei convegni di Gießen (11/12 ottobre 2014) e Urbino (14/15 ottobre 2014)

Series:

Sandra Abderhalden, Michael Dallapiazza and Lorenzo Macharis

Dieser Band versammelt Beiträge zweier Tagungen zur Bedeutung von Essen und Trinken in Kunst und Literatur. Im Zentrum stehen Esskulturen und Praktiken vorrangig in der deutschen und italienischen Literatur vom Mittelalter bis zur Neuzeit. Der mehrsprachige, komparatistisch ausgerichtete Tagungsband spiegelt die Vielfältigkeit des kulinarischen Themas in literarischen und künstlerischen Werken auf umfassende Weise wider.
Questo volume raccoglie i contributi di due conferenze sul significato del cibo e delle bevande nell’arte e nella letteratura. Pietra angolare del libro è il tema delle culture e delle pratiche alimentari, illustrate con particolare attenzione alle letterature italiana e tedesca, dal medioevo ai nostri giorni. Partendo da una prospettiva comparatistica, il volume plurilingue rispecchia in modo esemplare la molteplicità del tema nelle tradizioni dell’arte e della letteratura.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

L’etica del mangiare: golosità e astinenza come metafore morali nella letteratura italiana del Medioevo (Rainer Zaiser)

Extract

rainer zaiser L’etica del mangiare: golosità e astinenza come metafore morali nella letteratura italiana del Medioevo Abstract: Nell’opera delle Tre Corone della letteratura italiana si può riscontrare un uso spesso metaforico del consumo smisurato di cibo e bevande� La sua importanza fa pensare alla Dietetica antica fondata da Ippocrate e Galeno, che considera nocivo il troppo e il troppo poco non solo nell’alimentazione, ma anche in altri ambiti della vita, e invoca quindi la giusta misura per salvaguardare la salute del corpo e l’integrità morale dell’uomo� Nell’Inferno della Divina Commedia, per esempio, la gola è elevata a metafora della peccaminosità dei penitenti, mentre nell’introduzione alla prima gior- nata del Decameron e nel De lauto victu all’interno del De remediis utriusque fortunae di Petrarca la temperanza diventa il presupposto per una condotta di vita sana e morale� Keywords: Alimentazione, Dietetica, Morale, Giusta Misura, Tre Corone Due malattie strettamente collegate al soggetto delle nostre Giornate sul cibo sono divenute negli ultimi decenni dei grandi simboli della nostra civiltà post- industriale, cioè l’obesità e la magrezza patologica, con il termine medico appropriato, anoressia mentale o nervosa� Mi scuso per questo inizio depri- mente con cui metterò in rilievo le conseguenze nefaste delle forme smisurate dell’alimentazione e non le sue delizie, ma questo accenno mi serve come punto di partenza per ricordare che già nell’Antichità e nel Medioevo le cattive abitudini alimentari non furono solo considerate come nocive per la salute, ma ebbero spesso un valore simbolico che andava al di là del solito riferimento...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.