Show Less

Metodologia Paretiana

Tomo III: Stati psichici e variabili dell’azione

Series:

Mino B. C. Garzia

Questo è il terzo tomo di una trilogia: I. Differenziazione, non linearità, equilibrio (2006); II. Stati psichici e costanti dell’azione (2013). In questo terzo tomo si procede all’applicazione della teoria delle derivazioni, alla ricerca delle variabili dell’azione. Come per gli altri due tomi, si parte sempre dal testo paretiano, estendendone esempi ed osservazioni tratti soprattutto dalla contemporaneità. Uno sguardo da vicino, dunque, anche in questo tomo. Stampa quotidiana, periodica, libri e osservazioni dirette sono stati fonti inesauribili per l’individuazione delle derivazioni. Il risultato è che dalle migliaia di esempi selezionati ne sono stati estratti circa quattrocentocinquanta, divenuti parte integrante di questo volume. Come per il precedente, ognuno potrà sostituire un qualsiasi esempio con un altro di apparente segno opposto, non muta il risultato: la potenza delle derivazioni staccatesi dalle pulsioni (residui) è tale da «portare opposte dottrine allo stesso punto»; poiché, in realtà, non le azioni o i fatti concreti sono stati classificati e discussi, ma i loro elementi (sentimenti o stati psichici), i quali permettono di completare una teoria sociologica della mente.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

[Classe V. Della misurazione e della quantità]

Extract

[...] deriderò santa scienza, il che non toglie che alla scienza speri- mentale ho dedicato la vita (Trattato, § 75). “… attualmente sta formandosi una religione pseudo-scientifica, altrettanto esclusiva e intollerante delle altre religioni. Si divinizza la Scienza e si dogmatizza il suo nome, violando oltraggiosamente le migliori regole vigenti delle ricerche sperimentali e scientifiche” (Sistemi, p. 359). In generale, le più diverse teorie scientifiche non sono un prodotto ar- bitrario della mente umana, ma sono determinate da due generi di for- ze, dice Pareto: dall’accordo con i sentimenti dell’autore e della collet- tività di cui fa parte, e dall’accordo con l’esperienza. Potere occulto dei numeri e moda della forma scientifica. Nella nostra epoca la forma scientifica è divenuta di moda, come era un tem- po la forma religiosa.1 La teologia è stata spodestata ed è stata rimpiaz- zata dalla scienza; ma, si badi bene, non si tratta della scienza speri- mentale, bensì di una certa entità metafisica a cui si è posto tale nome.2 Questa quinta classe potrebbe costituire un genere della classe II del- l’autorità, in quanto la derivazione utilizza qui l’autorità e dunque la ‘certezza’ dei numeri, del laboratorio, dell’esperimento, della misura, della quantità.3 Ne abbiamo fatto una classe perché tutto ciò ha acquisi- to enorme importanza nel corso del XX secolo; importanza non scono- sciuta nei secoli passati, ma certo schiacciata dalle ‘certezze’ di altre 1 Sistemi, p. 182. In Occidente e aree affini, certo non in tutto il globo. Vi sono ampie aree, le più turbolente, dove la forma ‘religiosa’, proveniente...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.