Show Less
Restricted access

Un’autobiografia lirica

I «Canti» di Giacomo Leopardi

Fanny Capizzi

Fra le molteplici opere di Giacomo Leopardi, scrittore precoce e prolifico come pochi, manca un’autobiografi a: restano i progetti giovanili, abbozzi ricchi di spunti, ispirati a Rousseau e Alfieri, mai portati a termine. Eppure, la «storia di un’anima» di Leopardi potrebbe non essere stata completamente abbandonata, se non nella forma originaria del romanzo. All’interruzione dell’ultimo abbozzo, nel 1825, potrebbe infatti corrispondere una nuova prospettiva, orientata anche da circostanze biografiche. Leopardi, confrontatosi con il commento alle Rime di Petrarca e la compilazione della Crestomazia poetica, si è forse ispirato a queste autobiografi e liriche per ridisegnare l’indice dei Canti e raccontare la sua vita con il linguaggio evocativo e nel contempo controllato dei versi.
Show Summary Details
Restricted access

Capitolo III: Prima dell’autobiografia lirica: progetti di romanzi autobiografici

Extract

← 70 | 71 → III

Prima dell’autobiografia lirica: progetti di romanzi autobiografici

Le più belle canzoni del Chiabrera non sono per la maggior parte altro che bellissimi abbozzi.246

Gli abbozzi autobiografici di Leopardi sono stati analizzati a più riprese con l’intento di individuare un legame tra questi incompiuti e le opere pubblicate, siano esse in prosa o in poesia. Come spesso accade in letteratura, anche per Leopardi gli inediti si sono trasformati in utili serbatoi che ritrovano, in parte, una seconda vita all’interno di una nuova cornice. In effetti è possibile riconoscere agli incompiuti il valore di un preludio che aiuta a capire meglio l’opera pubblicata. Nel caso degli abbozzi e dei Canti il rapporto intertestuale è reso ancora più difficile, ma affascinante, dalla differenza di genere e dalla distanza anagrafica tra il Leopardi ventenne degli Abbozzi della Vita di Lorenzo Sarno e il poeta adulto che pubblica i Canti nel 1831.

Affinché questo lavoro potesse costituire un passo utile ma non ridondante per l’analisi del rapporto tra gli abbozzi e i Canti, sono partita dalle considerazioni raccolte in alcuni saggi che mi hanno permesso innanzitutto di circoscrivere gli abbozzi e successivamente di approfondire i motivi dell’abbandono del romanzo autobiografico e l’orientamento verso un’autobiografia lirica. Farò numerosi riferimenti alle seguenti edizioni di Leopardi: Autobiografie imperfette e diario d’amore, a cura di Maria Antonietta Terzoli, Scritti e frammenti autobiografici, a cura di Franco D’Intino, Appunti e ricordi, a cura di Emilio Pasquini e Paolo Rota. Il saggio...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.