Show Less
Restricted access

Studi Pergolesiani / Pergolesi Studies

Series:

Edited By Francesco Cotticelli and Paologiovanni Maione

Il libro raccoglie gli atti del convegno internazionale Sopra il gusto moderno: Civiltà musicale napoletana nell’età di Pergolesi, tenutosi a Napoli nel Gennaio del 2010 nell’ambito delle celebrazioni per i 300 anni della nascita di Pergolesi. Il volume esplora l’epoca e il contesto in cui fiorì il genio di Pergolesi in prospettiva interdisciplinare. Particolare rilievo ha la ricerca archivistico-documentaria: oltre 10000 notizie inedite sulla vita teatrale e musicale a Napoli nel primo Settecento sono riportate alla luce e permettono una nuova ricostruzione storica di quella stagione.

The book contains the proceedings of the conference Sopra il gusto moderno: Civiltà musicale napoletana nell’età di Pergolesi, held in Naples in January 2010 as part of the celebrations for the 300 th anniversary of Pergolesi’s birth. Based on an interdisciplinary perspective, it provides insight into the time and context in which Pergolesi’s genius flourished. Special emphasis is placed upon archival research: over 10000 unpublished documents about the musical and theatrical life in Naples in the early 18 th century are brought to light, so as to offer a new historical reconstruction of that age.
Show Summary Details
Restricted access

Da La fede tradita e vendicata a Il prigionier superbo: notazioni metriche sull’aria, in ‘viaggio’ per un remake pergolesiano

Extract

Vincenzo Dolla

Da La fede tradita e vendicata a Il prigionier superbo: notazioni metriche sull’aria, in ‘viaggio’ per un remake pergolesiano

Ricimero, re dei Goti accoglie Umblo, lo spodestato re di Norvegia, accompagnato dalla figlia Edvige, e gli promette di allestire un’armata per sconfiggere l’usurpatore Rodoaldo. Umblo, riconoscente, prima di morire gli concede in sposa Edvige, unica legittima erede del trono norvegese.Sconfitto e fatto prigioniero l’usurpatore, Ricimero però s’innamora della figlia di lui, Ernelinda e, venendo meno alla promessa fatta ad Umblo, intende sposarla per impadronirsi così del regno di Norvegia.Ricevuto il diniego da Ernelinda, la obbliga, per vendetta, a determinare chi dovrà morire tra il genitore e l’innamorato Vitige.Ernelinda fa salva la vita al padre.Intanto gli ex alleati si uniscono contro Ricimero che viene sconfitto e punito.

Questa esile trama, che vede impegnati molteplici personaggi e che trova il suo punto focale nella scena-madre, in cui la protagonista femminile (Ernelinda) è chiamata a decidere chi dovrà salvare, tra il padre e l’amato, ha compiuto un lunghissimo viaggio, tra repliche e nuovi rifacimenti, nell’arco di più di ottanta anni, dalla prima uscita nel 1704, nel libretto di Francesco Silvani, La fede tradita e vendicata, intonato da Francesco Gasperini (Venezia, Teatro Tron di S. Casciano) fino al 1789, quando ricomparve sulle scene napoletane, in un dramma intitolato Ricimero, posto in musica da Giacomo Siri.

Di questo lungo itinerario, tappa fondamentale fu la ripresa napoletana del 1733, Il prigionier superbo, messa in musica da Giovanbattista...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.