Show Less
Restricted access

Cristo primizia dei morti e la risurrezione dei credenti

Studio su 1Cor 15

Gaetano Di Palma

Nel libro si commenta il capitolo 15 della Prima Lettera ai Corinzi. I greci ammettevano una risurrezione corporea a condizione che si trattasse di un uomo caro agli dei e con il corpo ancora incorrotto. Si spiega, pertanto, la difficoltà di alcuni tra i corinzi: essi accettavano la risurrezione di Cristo, ma non quella dei credenti alla fine dei tempi. Seguendo l’argomentazione che si sviluppa con gradualità nel capitolo 15 di 1Cor, nel saggio si cerca di far emergere con chiarezza la risposta di Paolo, il quale dimostra di non essere ignaro della cultura del proprio tempo e di servirsene per spiegare il «mistero», secondo cui non tutti i cristiani moriranno, ma tutti dovranno essere trasformati. Al termine del libro, infine, sono ripercorsi i primi secoli dell’era cristiana trattando alcuni autori che si sono dedicati a tale tema e, in particolare, hanno citato questo testo paolino.
Show Summary Details
Restricted access

Capitolo secondo: «A voi ho trasmesso quello che anch’io ho ricevuto»

Extract

Il capitolo 15 della Prima Lettera ai Corinzi, secondo quanto emerso dall’esame della sua dispositio, presenta un breve exordium formato dai vv. 1–2, al quale segue una “dettagliata” narratio che si estende dal v. 3 all’11. Esamineremo in primo luogo la struttura di 15,1–11 e poi, separatamente, l’exordium, che richiama un argomento al quale l’apostolo conferisce grande importanza, ossia la fedeltà al Vangelo secondo il contenuto in cui è stato annunciato da lui ai corinzi e la narratio, nella quale viene esposto in sintesi l’evento complessivo della Pasqua (cf. vv. 3–4) e delle apparizioni del Risorto ai primi discepoli (cf. vv. 5–8). Egli conclude con una sua breve autodifesa (cf. vv. 9–11) dove dichiara la sua “piccolezza”, benché ammetta che, per effetto dell’azione della grazia di Dio, ha lavorato più di tutti gli altri per la diffusione del Vangelo.

Il primo passo che intendiamo compiere è fornire una traduzione del testo, suddivisa nel modo che abbiamo indicato prima. Tale traduzione si discosta in diversi punti da quella della Cei, come spiegheremo laddove sarà necessario:

1 Voglio rendervi più edotti, fratelli, circa il vangelo che ho annunciato a voi, e che voi avete ricevuto, nel quale restate saldi 2e dal quale siete salvati, se lo mantenete con quel contenuto con cui ve l’ho annunciato. A meno che non abbiate creduto invano!

3 A voi infatti ho trasmesso, anzitutto, quello che anch’io ho ricevuto, cioè che Cristo morì per i nostri peccati...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.