Show Less
Restricted access

Dalla prosa ai versi

Forme, usi, contesti della poesia didascalica grammaticale tra XII e XIII sec. Con l'«editio princeps» del «De voce» (Einsiedeln, Stiftsbibliothek Cod. 300)

Series:

Carla Piccone

La trasposizione in versi di testi in prosa già esistenti è un fenomeno letterario e culturale che conosce la sua acme tra il XII e XIII secolo, periodo in cui ogni campo del sapere viene versificato. Partendo da questo assunto, il presente lavoro si incentra sulla letteratura didascalica a tema grammaticale. Nella prima parte l’autrice indaga le diverse percezioni della forma poetica nei vari generi della letteratura mediolatina, con particolare riferimento alla poesia didascalica, e tenta di ricostruire le diverse modalità in cui i singoli grammatici presi in esame si relazionano con i loro precedenti in versi. Inoltre, esamina i fini che giustificano questa operazione letteraria. Nella seconda parte viene presentata la prima edizione, corredata di traduzione, di una versificazione dei primi due libri delle Institutiones di Prisciano, tradita nel manoscritto Einsiedeln, Stiftsbibliothek 300 e finora ignorata dalla ricerca.
Show Summary Details
Restricted access

Edizione e traduzione

Extract

95De voce primus liber est et partibus eius,de quid litera sit, quibus et quot partibus insit.

Vox est, ut dicunt, aer, tenuissimus ictusaut hoc sensibile proprię quod discitur aure.

5Articulatave non, vox literulata fit aut non:articulata fit ex animo, contraria numquam,literulata potest scribi, contraria numquam.Quę species tot agunt, discrimina quatuor hęc sunt.Commiscentur enim discrimina bina vicissim.

10Ut dux a duco, vox dicitur a voco verbo,sive boo greco reboo componitur ex quo.

Litera compositę vocis datur athomus esse,ut caute dicam, quę scribitur illius, inquam,in constructura vocis, quia nil minus ipsa.

15Sit pars vocalis cum longa brevissima vocis.Litera nomen habet quod iter lectoribus aptet,quam veteres cera faciebant, sive litura.Litera sepe dari sibi nomen vult elementi:corpus ut omne sua compagine dant elementa,

20sic dant hęc vocem quasi corpus literularem.Aer si corpus, si vocis ab aere virtusest et vox vere corpus, quia tangit in aure,et quod corporis est, fit in hac dimensio triplex,hinc exaudiri bene parte valebit ab omi.

25Vox quia fit corpus, sic parte probatur ab eius,lege quod ex metrica fit syllaba tempore longa,dat quod et hanc altam tenor, aspiratio latam.Litera forma sui signum simul est elementi. ← 196 | 197 →

Libro primo

Contenuto del primo libro

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.