Show Less

Calvino e il teatro

Storia di una passione rimossa

Series:

Enrica Ferrara

Questo libro affronta per la prima volta in maniera complessiva l’attività teatrale di Italo Calvino, dagli anni della produzione giovanile fino alla tormentata riscrittura di Un re in ascolto che accompagnerà l’autore fino alla morte nel 1985.
La ricostruzione filologico-indiziaria dello stile e dei temi utilizzati nelle opere teatrali giovanili perdute e l’analisi puntuale di un corpus di recensioni teatrali calviniane mai pubblicate in volume fino ad ora costituiscono il fulcro di questo saggio che, oltre a gettare nuova luce su uno dei tanti ‘tavoli di lavoro’ dello scrittore sanremese, mira a reimpostare il discorso critico sulla militanza politica di Calvino e sulle teorie estetiche da lui promosse nel corso degli anni Cinquanta.
Una delle ipotesi avanzate del questo libro è che Calvino oscilli tra ricerca e rimozione della sua identità repressa di drammaturgo e che il rapporto conflittuale con la materia teatrale svolga un ruolo fondamentale nell’impegno calviniano ad auto-rappresentarsi e a fabbricarsi una identità autoriale in continuo rinnovamento.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Capitolo 4 - Il ritorno alla scrittura teatrale 153

Extract

Capitolo 4 Il ritorno alla scrittura teatrale L’ultimo articolo pubblicato da Calvino su L’Unità nell’ambito della ras- segna ‘Prime al Carignano’ risale al 26 maggio 1950. Tre mesi dopo, il 27 agosto dello stesso anno, Cesare Pavese, padre ‘spirituale’ di Calvino, si toglie la vita. A poco più di un anno dalla tragedia di Pavese, il 25 ottobre del 1951, muore il padre ‘naturale’ dello scrittore, Mario Calvino. Queste due morti segnano il percorso creativo ed esistenziale di Italo in maniera molto più marcata di quanto sia stato messo in luce fin ora dalla critica. Si apre un momento di meditazione intensa e di insoddisfazione profonda che si rif lette nel blocco creativo rispetto alla scrittura ‘neorealista’ e nell’impulso alla sperimentazione di nuove tecniche e di nuove ipotesi di scrittura, lungo tutto il quinquennio 1951–1955, che approderanno alla stesura dell’atto unico La panchina del 1955. Ma in che misura le rif lessioni sul teatro compiute dallo scrittore nel decennio 1940–1950 inf luenzeranno i tentativi di scrittura e le ipotesi di spe- rimentazione narrativa ef fettuati nel corso del quinquennio 1951–1955? Per rispondere a questa domanda ho preso in esame ancora una volta materiale proveniente in larga parte dai saggi e dalla produzione giorna- listica dello scrittore, vista l’assenza di una produzione teatrale vera e pro- pria che preceda La panchina del 1955. E inoltre, come già accennato nel capitolo precedente, i progetti e le prove di scrittura narrativa che Calvino porterà avanti in questo periodo, saranno contrassegnati...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.