Show Less

Calvino e il teatro

Storia di una passione rimossa

Series:

Enrica Ferrara

Questo libro affronta per la prima volta in maniera complessiva l’attività teatrale di Italo Calvino, dagli anni della produzione giovanile fino alla tormentata riscrittura di Un re in ascolto che accompagnerà l’autore fino alla morte nel 1985.
La ricostruzione filologico-indiziaria dello stile e dei temi utilizzati nelle opere teatrali giovanili perdute e l’analisi puntuale di un corpus di recensioni teatrali calviniane mai pubblicate in volume fino ad ora costituiscono il fulcro di questo saggio che, oltre a gettare nuova luce su uno dei tanti ‘tavoli di lavoro’ dello scrittore sanremese, mira a reimpostare il discorso critico sulla militanza politica di Calvino e sulle teorie estetiche da lui promosse nel corso degli anni Cinquanta.
Una delle ipotesi avanzate del questo libro è che Calvino oscilli tra ricerca e rimozione della sua identità repressa di drammaturgo e che il rapporto conflittuale con la materia teatrale svolga un ruolo fondamentale nell’impegno calviniano ad auto-rappresentarsi e a fabbricarsi una identità autoriale in continuo rinnovamento.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Capitolo 5 - Il recupero del doppio teatrale 209

Extract

Capitolo 5 Il recupero del doppio teatrale Nel capitolo precedente abbiamo visto come il recupero della tradizione aveva indotto Calvino a sfidare i precetti della poetica comunista orto- dossa del realismo sociale e a pubblicare il primo romanzo della trilogia fantastica, Il visconte dimezzato, nella collana dei ‘Gettoni’. Questa sfida all’ideologia uf ficiale avrebbe costituito il primo passo verso il ritorno alla scrittura teatrale che si esprimerà per la prima volta pubblicamente nell’atto unico La panchina. È naturale a questo punto chiedersi quali siano le modalità con le quali Calvino realizza il recupero di questa tradizione personale e cultu- rale rimossa nella prassi della scrittura teatrale. Come vedremo in questo capitolo, uno dei fattori cruciali in tale processo fu la rif lessione compiuta dallo scrittore in merito al proprio rapporto con il padre Mario, figura emblematica di questo passato rimosso e alter ego di Calvino. I testi da me presi in esame ai fini di questa ricerca sono le opere tea- trali La panchina, Allez Hop e Un re in ascolto e la mia analisi si concentra su alcuni leit-motifs che compaiono nei testi in questione ed in altre opere narrative calviniane di natura prevalentemente autobiografica: L’entrata in guerra, La strada di San Giovanni e Dall’opaco. Tali leit-motifs, già indivi- duati nella mia proposta di lettura brechtiana de La panchina a conclusione del capitolo precedente, sono i binomi tematici oppositivi giorno-notte, luce-ombra, caos-ordine, razionalità-irrazionalità. Sarà opportuno precisare, a tale proposito, che l’uso delle coppie anti- nomiche come strumento di analisi...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.