Show Less
Restricted access

Impegno metonimico, impegno esplicito: poetiche della Neoavanguardia a confronto.

Elio Pagliarani, Edoardo Sanguineti, Adriano Spatola.

Series:

Emanuele La Rosa

Contro cosa si è rivolta la poetica del rifiuto formulata tra gli anni Cinquanta e Sessanta del Novecento dalla Neoavanguardia italiana? È poi davvero corretto parlare di una poetica? Quali sono le dimensioni dell’impegno all’interno del Gruppo 63? Cosa hanno a che fare alienazione dell’individuo e guerra atomica con la poesia novissima? Sulla base di un confronto incrociato tra le opere più significative di tre protagonisti di quella stagione letteraria (Elio Pagliarani, Edoardo Sanguineti ed Adriano Spatola) il presente lavoro, attraverso una mirata analisi semiotica, cerca di fornire delle risposte a tali quesiti.

Show Summary Details
Restricted access

Indice delle illustrazioni

Extract



fig. 1: L’ampolla, o vas hermeticum, che ospita la coniunctio oppositorum. Fonte: Georges Aurach, Pretiosissimum Donum Dei, 1475 (Wikimedia Commons).

fig. 2: L’Ouroboros, il serpente che divora se stesso e simboleggia l’opus alchemicum. Fonte: Theodoros Pelecanos, Codex Parisinus graecus 2327, 1478 (Wikimedia Commons).

fig. 3: Arbor Philosophica. Fonte: Samuel Norton – Edmund Deane, Mercurius Redivivus, 1630 (Wikimedia Commons).←291 | 292→ ←292 | 293→

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.