Show Less
Restricted access

Variazioni sull'apocalisse

Un percorso nella cultura occidentale dal Novecento ai giorni nostri

Series:

Edited By Alessandro Baldacci, Anna Małgorzata Brysiak and Tomasz Skocki

L’apocalisse, nelle sue innumerevoli forme e interpretazioni, costituisce uno dei temi cardine della cultura e dell’immaginario collettivo dell’ultimo secolo, in cui ritorna costantemente l’idea della fine e del «dopo la fine». Il volume si propone di indagare, in ottica comparata e interdisciplinare, le più diverse narrazioni e rappresentazioni apocalittiche del XX e XXI secolo, spaziando dalla letteratura al cinema, dall’arte alla filosofia, fino alle serie televisive contemporanee.

Show Summary Details
Restricted access

Lirica e catastrofe. La ricezione di Paul Celan nella poesia di Milo De Angelis (Alessandro Baldacci)

Extract

Alessandro Baldacci

Lirica e catastrofe. La ricezione di Paul Celan nella poesia di Milo De Angelis

Abstract: The essay focuses on the importance of the lesson of Celan, an extreme voice of the 20th century lyric poetry, for Milo De Angelis, one of the most tragic poets of our time. De Angelis comes into contact with the oeuvre of the bukovinian poet thanks to his familiarity with the French culture, with the journal L’Éphémère and with the translations by Du Bouchet. Then, De Angelis introduces Celan’s mastery into his own poems, starting from the first book, Somiglianze, and makes it pivotal for his poetry and poetic reflection in the 1980’s, which strongly influences the foundation of the journal Niebo. Celan’s poetics also plays a decisive role in Poesia e destino and, in particular, in Millimetri, which is composed of wounded words, shattered and broken verses that remain close to silence and death.

Keywords: Milo De Angelis, Paul Celan, Apocalypse, lyric, tragic, sublime, silence

I.

Nel suo cammino segnato da una ininterrotta ‘possessione lirica’ la poesia di Milo De Angelis riconosce subito la indiscutibile autorevolezza di Paul Celan, autore che proprio del lirico rappresenta uno dei punti di massima incandescenza novecentesca, oltre che, in un certo qual modo, la sua declinazione postrema. La poesia di Celan mostra infatti, all’interno della accidentata storia della lirica europea nel XX secolo, la sua capacità di ‘scatenare l’eterno’ immergendosi nel grido della...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.