Show Less

Strutture dell’italiano regionale

Morfosintassi di una varietà diatopica in prospettiva sociolinguistica

Series:

Massimo Cerruti

A partire da un corpus di parlato raccolto nel contesto urbano di Torino, si analizzano alcune strutture morfosintattiche dell’italiano regionale (sia specificamente piemontesi sia più generalmente settentrionali, quando non condivise anche da varietà meridionali) alla luce delle principali implicazioni di rilievo per la linguistica e la sociolinguistica. Gli aspetti di variazione, in particolare, esaminati in riferimento alla formazione di un ‘italiano regionale standard’, sono descritti correlando fatti di linguistica esterna, quale la marcatezza sociolinguistica dei costrutti, a fatti di linguistica interna; tra questi, la conformità a principi universali di naturalezza, la coerenza rispetto alle proprietà strutturali e alle tendenze ristandardizzanti dell’italiano contemporaneo e la mancanza di corrispondenti grammaticalizzati in italiano standard.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Appendice

Extract

273 Gli enunciati per la retroversione 1. neh c a fa caud? disbutunte la giaca it. reg. neh che (1.a.) fa caldo? disbot- tonati (1.b.) la giacca 1.a.: neh indicatore di domande orientate; 1.b.: deverbale dis-; 2. pia stu as c a fuma na gira e lu purtuma via it. reg. prendi ‘sto asse (2.a.) che fac- ciamo una gira (2.b.) e lo (2.a.) por- tiamo via 2.a.: metaplasma di genere (asse m.), con accordo anche esterno al SN (v. clitico anaforico lo); 2.b.: metaplasma di genere (gira f.); 3. a i va aute due ma ad bianc da- rè la guardaroba it. reg. ci va (3.a.; 3.b.) altre due mani di bianco dietro la guardaroba 3.a.: VPron andarci; 3.b.: mancato accordo del V con S rematico posposto; 3.c.: metaplasma di genere (guardaroba f.); 4. speta na minüta che veu vëdde, andua a l è già c a t a stas? it. reg. aspetta una minuta (4.a.) che vengo (4.b.) vedere, dov’è già (4.c.) che stai? 4.a.: metaplasma di genere (mi- nuta f.); 4.b.: infinitiva retta da un V di moto senza il COMP a; 4.c.: uso diatopicamente marcato dell’Avv già; 5. le rame a l eru tüte pie, i l ai fait sü na cavagna ad cirese it. reg. le rame (5.a.) erano tutte piene (5.a.), ho fatto su (5.b.) una cesta di ciliegie 5.a.: metaplasma di genere (rame f.) con accordo anche esterno al SN (v. Agg predicativo piene); 5.b.: VS fare su; 6. quand c...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.