Show Less

La corrispondenza di Lodovico Antonio Muratori col mondo germanofono

Carteggi inediti- Con la collaborazione di Daniela Gianaroli

Series:

Edited By Fabio Marri and Maria Lieber

Si completa l’edizione delle lettere scambiate tra Muratori (1672-1750) e i suoi numerosi corrispondenti di area tedesca. I carteggi coi nomi più noti (come Imhof, i Mencke, i Fabricius) erano stati curati dagli stessi autori in due pubblicazioni di questa collana ( L. A. Muratori und Deutschland, 1997; Die Glückseligkeit des gemeinen Wesens, 1999); vi si aggiunge qui, fra gli oltre 30 carteggi, quello inedito di ben 142 lettere (comprese due di Muratori, finora non attribuite) con Gottfried Philipp Spannagel, tedesco dalle origini misteriose che in Italia si presentò come «Goffredo Filippi». Sono incluse varie corrispondenze austriache, fino ad oggi edite solo in minima parte. I testi sono pubblicati dopo accurata revisione sugli originali, e preceduti da ampie introduzioni.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Friedrich August Hackemann 84

Extract

84 FRIEDRICH AUGUST HACKEMANN Sull’anno di nascita e di morte di Friedrich August Hackemann non possediamo informazioni certe: l’ipotesi di Zimmermann è che fosse nato intorno all’anno 1670.1 Dal 1688 al 1693 studiò all’università di Helmstedt; intorno al 1693, ot- tenne l’impiego di precettore del figlio del consigliere segreto di Celle Andreas Gottlieb von Bernstorff, attraverso cui si suppone abbia fatto la conoscenza di Leibniz.2 A Helmstedt, verso il 1709, divenne professore straordinario di scienze politiche e tenne lezioni sul celebre poemetto Reineke Fuchs.3 Accusato però di blasfemia e vilipendio alla religione cattolica, fu escluso dall’insegnamento e colpito dal Consilium abeundi, ossia dall’espulsione.4 Abbandonò allora Helm- stedt e aderì inizialmente al cattolicesimo, per poi passare al luteranesimo nel tentativo di impiegarsi presso la corte di Prussia,5 dove in effetti fu nominato consigliere segreto e bibliotecario reale;6 ma poco dopo si recò a Vienna abbrac- ciando nuovamente la fede cattolica.7 Negli anni seguenti intraprese numerosi viaggi in Italia e Francia8 prima di tornare nel 1728, dopo un’assenza decennale, alla corte prussiana dove passò di nuovo al protestantesimo.9 Nel 1729 ottenne la carica di professore di diritto e consigliere segreto a Halle,10 città che però Hackemann dovette lasciare già l’anno seguente per ordine della corte berlinese e sotto la minaccia della fustigazione, con l’accusa di tenere lezioni di deismo e non solo di giurisprudenza. Nel 1734 tornò a Vienna e aderì al cattolicesimo. I suoi continui cambiamenti di credo religioso vennero commentati dai contem- poranei con ironia: “la sua religione...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.