Show Less

La corrispondenza di Lodovico Antonio Muratori col mondo germanofono

Carteggi inediti- Con la collaborazione di Daniela Gianaroli

Series:

Edited By Fabio Marri and Maria Lieber

Si completa l’edizione delle lettere scambiate tra Muratori (1672-1750) e i suoi numerosi corrispondenti di area tedesca. I carteggi coi nomi più noti (come Imhof, i Mencke, i Fabricius) erano stati curati dagli stessi autori in due pubblicazioni di questa collana ( L. A. Muratori und Deutschland, 1997; Die Glückseligkeit des gemeinen Wesens, 1999); vi si aggiunge qui, fra gli oltre 30 carteggi, quello inedito di ben 142 lettere (comprese due di Muratori, finora non attribuite) con Gottfried Philipp Spannagel, tedesco dalle origini misteriose che in Italia si presentò come «Goffredo Filippi». Sono incluse varie corrispondenze austriache, fino ad oggi edite solo in minima parte. I testi sono pubblicati dopo accurata revisione sugli originali, e preceduti da ampie introduzioni.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Eberhard David Hauber 114

Extract

114 EBERHARD DAVID HAUBER Eberhard David Hauber nacque il 27 maggio 1695 a Hohenhaslach nei pressi di Bietigheim (Württemberg), figlio del predicatore del luogo Johann Eberhard.1 Già all’età di quattordici anni iniziò lo studio di teologia all’università di Tu- binga, che terminò, per motivi di salute, soltanto nel 1714. Oltre che alla teolo- gia s’interessò di storia, geografia, araldica, genealogia, cartografia e numi- smatica. Il suo percorso accademico lo portò per un anno ad Altdorf; nel 1717 tornò nella città natale, dove svolse accanto al padre la professione di curato e di vicario. Nel 1721 gli fu affidato il ruolo di precettore del figlio del consigliere di stato di Württemberg e ambasciatore di Svevia Andreas Frommann, assieme al quale frequentò nel 1722 le lezioni di giurisprudenza all’università di Tubinga; col suo appoggio Hauber ottenne nel 1724 il prestigioso impiego di vicario nella Collegiata e cappella ducale di Stoccarda.2 Nel 1728 conseguì il dottorato in teologia a Helmstedt e, col sussidio del conte Friedrich Christian di Schaum- burg-Lippe (che l’aveva voluto a Stadthagen come primo predicatore e membro del concistoro), compì un viaggio di studio in Olanda. Nello stesso 1728 Hauber fu ascritto all’Accademia Leopoldino-Carolina; nel 1740 divenne socio onorario della Deutsche Gesellschaft di Gottinga e membro della Royal Society.3 Nel 1746 fu chiamato dal re danese Cristiano VI come pastore alla chiesa di San Pietro di Copenaghen;4 qui morì il 15 marzo 1765 e fu sepolto con grande partecipazione popolare. Al momento della stesura della lettera a...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.