Show Less

La corrispondenza di Lodovico Antonio Muratori col mondo germanofono

Carteggi inediti- Con la collaborazione di Daniela Gianaroli

Series:

Edited By Fabio Marri and Maria Lieber

Si completa l’edizione delle lettere scambiate tra Muratori (1672-1750) e i suoi numerosi corrispondenti di area tedesca. I carteggi coi nomi più noti (come Imhof, i Mencke, i Fabricius) erano stati curati dagli stessi autori in due pubblicazioni di questa collana ( L. A. Muratori und Deutschland, 1997; Die Glückseligkeit des gemeinen Wesens, 1999); vi si aggiunge qui, fra gli oltre 30 carteggi, quello inedito di ben 142 lettere (comprese due di Muratori, finora non attribuite) con Gottfried Philipp Spannagel, tedesco dalle origini misteriose che in Italia si presentò come «Goffredo Filippi». Sono incluse varie corrispondenze austriache, fino ad oggi edite solo in minima parte. I testi sono pubblicati dopo accurata revisione sugli originali, e preceduti da ampie introduzioni.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Christian Wilhelm Franz 442

Extract

442 CHRISTIAN WILHELM FRANZ WALCH Lo scambio epistolare tra Christian Wilhelm Franz Walch e Muratori è già stato approfondito in Marri/Lieber 1997, pp. 200-201. In questa sede si sarebbe do- vuta pubblicare soltanto la lettera del 3 agosto 1749, di cui Andrea Balletti nel 1937 pubblicò una versione imperfetta1 e che non appare nel Carteggio 45, 1982, pp. 372-375. Nel Carteggio vengono riportate soltanto la lettera del 7 lu- glio 1749 e un’ulteriore risposta di Muratori del 10 dicembre 1749: ma siccome un controllo sulle fonti ha mostrato molti errori di lettura, abbiamo deciso di ri- proporre l’intera corrispondenza. Walch, insieme al fratello Johann Ernst Immanuel, visitò Muratori all’incir- ca nel febbraio del 1748, anche se già prima era stato presentato da Giovanni Ludovico Bianconi e da Jakob Brucker con una lettera di raccomandazione del 29 novembre 1747.2 Con la prima lettera del 7 luglio 1749, Walch inviò al modenese due trattati sull’imperatore Ludovico I (figlio e successore di Carlo Magno): la tesi di dotto- rato, discussa il 21 settembre 1748 con Johann Christoph Vogt all’università di Jena con il titolo Dissertatio historica de pietate Ludovici Pii Imperatoris Au- gusti (Ienae, Litteris Io. Frid. Ritteri, 1748),3 e la Censura diplomatis quod Ludovicus Pius imperator augustus Paschali I pontifici romano concessisse fertur4 (Leipzig, Stopffel, 1749), alla cui lettura Muratori si dedicò immediata- mente, come egli stesso riferì. Si trattava in entrambi della disputa riguardante il Pactum Ludovicianum dell’anno 817, e cioè l’atto di cessione dell’imperatore Ludovico I al papa Pasquale I,...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.