Show Less

I verbi sintagmatici in italiano e nelle varietà dialettali

Stato dell’arte e prospettive di ricerca- Atti delle giornate di studio Torino, 19.-20. febbraio 2007

Series:

Edited By Monica Cini

La tematica dei verbi sintagmatici ha interessato negli ultimi anni molti studiosi che, in prospettive diverse, hanno delineato le caratteristiche principali di queste formazioni che, nel panorama delle lingue romanze, appaiono come una peculiarità italiana. Dall’incontro svoltosi a Torino nel febbraio 2007, del quale in questo volume si raccolgono gli atti, è nata un’utile riflessione sullo stato dell’arte e sulle prospettive di ricerca intorno agli aspetti morfologici, semantici, sintattici e pragmatici dei verbi sintagmatici in italiano e in alcune varietà dialettali.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Christoph SCHWARZE: In luogo di conclusione: prospettive di ricerca 209

Extract

I verbi sintagmatici: prospettive di ricerca. Christoph SCHWARZE (Universität Konstanz) 0. Premessa Il presente contributo e la versione scritta di un mio intervento orale, piü o meno improvvisato, dato alla fme dei Giorni di Studio torinesi, nel quale ho cercato, alla domanda della organizzatrice, di dare una specie di conclusione ai lavori. Era un compito difficile. Non potevo pretendere di dare una sintesi critica dei lavori presentati, e meno ancora una rassegna tipo state of the art. Cosi mi sono fissato uno scopo piü modesto, quello di esprimere ci6 che, nel complesso, piü mi ha colpito e di formulare alcune prospettive o desiderata per l'ulteriore ricercal . Prima perö di entrare in materia, mi sembra opportun dare un breve sguardo indietro. Nella ricerca sul fenomeno al quale ci si riferisce oggi con il termine di "verbi sintagmatici" (VS) si possono distinguere due tappe. La prima, negli anni 80 e 90 dello scorso secolo, e quella in cui il fenomeno fu scoperto. Schwarze (1985), stimolato da Talmy (1985), lo studia in una prospettiva contrastiva e tipologica2, e Simone (1997), cui fanno capo quasi immediatamente Venier (1996)3 e Vicario (1996, 1997), ne dä un'accurata descrizione, nella prospettiva di un'interrogazione su alcune assunzioni basilari della sintassi4. La seconda tappa e quella attuale, palesata nei contributi ai presenti Atti. E una fase d'intensa elaborazione empirica e teorica, il cui tratto piü spiccato e l'estensione della base empirica ai dialetti italoromanzi e all'italiano parlato5. 1 Era evitabile cosi che io distribuissi in modo disuguale...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.