Show Less

«Noio volevàn savuàr»

Studi in onore di Edgar Radtke del sessantesimo compleanno- Festschrift für Edgar Radtke zu seinem 60. Geburtstag

Series:

Silvia Natale, Daniela Pietrini, Nelson Puccio and Till Stellino

La miscellanea in occasione del sessantesimo compleanno di Edgar Radtke contiene una serie di articoli scientifici redatti dai suoi colleghi, amici e allievi. Gli articoli riguardano diverse aree della linguistica e trattano l’italiano e il francese contemporaneo, il substandard, il linguaggio giovanile come anche aspetti del lessico e delle lingue settoriali. Al centro dell’interesse anche i cambiamenti linguistici e sociali, la storia e la riflessione linguistica, la geolinguistica e l’etnolinguistica e questioni centrali nell’ambito linguistico e culturale della Campania.
Die Festschrift anlässlich des 60. Geburtstags von Edgar Radtke enthält eine Reihe von wissenschaftlichen Aufsätzen von Kollegen, Freunden und Schülern aus verschiedenen Bereichen der Sprachwissenschaft. Die Beiträge umfassen diverse Thematiken: Behandelt werden unterschiedliche Gebiete des Italienischen und Französischen der Gegenwart, des Substandards und der Jugendsprache sowie Fragen aus Lexik und Fachsprachen. Sprach- und Gesellschaftswandel, Sprachgeschichte und Sprachreflexion, Geo- und Ethnolinguistik sowie Fragestellungen zum kampanischen Sprach- und Kulturraum werden ebenfalls diskutiert.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Sul potenziale espressivo del lessico psicanalitico: Il caso di “libido”. Giulia Pelillo

Extract

Sul potenziale espressivo del lessico psicanalitico: Il caso di “libido” Giulia Pelillo Introduzione Il fenomeno della diffusione della psicanalisi nelle scienze, nelle arti e in gene- rale nella cultura italiana, è stato ampiamente descritto già a partire dagli anni ’601. La linguistica e la storia della lingua non hanno finora dimostrato un inte- resse altrettanto vivo nella considerazione analitica e sistematica del vocabolario psicanalitico e della sua diffusione nelle altre discipline, nonché nella lingua comune. Nel 1943 Bruno Migliorini registrava tale fenomeno, motivandolo con la diffusione di una vera e propria moda: Si è divulgato, insieme con la moda della psicanalisi, l’uso della terminologia relati- va: complesso d’inferiorità, desideri repressi, libido, ecc.2. Certamente il confronto con il pensiero psicanalitico, sia in termini di ricezione che di rifiuto, ha avuto degli effetti anche sul piano linguistico, effetti che sono stati perlopiù sottovalutati dalla linguistica, soprattutto in merito alla penetrazio- ne dei termini psicanalitici nella lingua comune. A tale proposito, ci si è soffer- mati sull’aspetto semantico, ossia sulla desemantizzazione di tali termini, per- dendo di vista l’analisi pragmatica e discorsiva delle funzioni che nell’uso co- mune si accompagnano all’impiego dei termini psicanalitici. Scotti Morgana ad esempio, descrive il fenomeno in termini di banalizzazione: Largamente banalizzata e sfruttata nell’uso corrente è molta parte della terminologia psicanalitica: nevrosi, psicosi, complesso, represso, fobia, frustrato, inibizione ecc.3. Eppure nello stesso capitolo sui prestiti dalle lingue speciali la stessa autrice af- ferma: occorrerebbe un bilancio di questi prestiti per settore, secondo il loro grado di volga- rizzazione e secondo l’effettiva...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.