Show Less

Discorso, interazione, identità

Studiare il parlato attraverso i parlanti

Series:

Giuseppe Paternostro

Il parlato è un oggetto di studio al centro degli interessi di più discipline (linguistica, semiotica, antropologia, sociologia, filosofia). Il volume intende osservare il parlato dal punto di vista dei suoi attori principali: i parlanti. Da questo particolare angolo visuale, il parlato si costituisce come una costruzione discorsiva che si sviluppa all’interno di interazioni tramite le quali i parlanti rappresentano e gestiscono le loro molteplici identità linguistiche e sociali. Discorso, interazione e identità sono i tre piani lungo i quali è possibile vedere i parlanti come soggetti attivi che usano la lingua per agire sul mondo, per descriverlo, per raccontarlo, per ragionare sui fatti che accadono sotto i loro occhi, con i loro occhi. Per questa ragione, viene analizzato un corpus di narrazioni e argomentazioni orali (raccolte nell’ambito della sezione sociovariazionale dell’Atlante Linguistico della Sicilia) in una prospettiva che integra analisi del discorso e sociolinguistica internazionale.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Appendici

Extract

312 Analisi di una narrazione secondo il modello di Labov Di seguito proponiamo l’analisi di una narrazione svolta seguendo il modello elaborato da Labov (cfr. Labov & Waletzky 1967, Labov 1997). I brani che ana- lizzeremo sono tratti dal parlato indotto in siciliano di Michele, un adolescente di Palermo di estrazione socio-culturale medio-bassa, la cui narrazione abbiamo commentato nel capitolo 4. Seguendo il modello laboviano, il narrative range è indicato da due cifre, poste a sinistra e a destra dell’indicazione del tipo di clau- sola narrativa. Tali cifre si riferiscono al numero di clausole che precedono e seguono la clausola, marcata con una lettera dell’alfabeto, con la quale possono stare in rapporto di contemporaneità o non contemporaneità. 0a0 connessa aieri ivu a ffari un domicìliu 0b0 connessa / e acchianavu â Rreggioni. 0c0 connessa // cci lassavu u cafè, / che èranu sei cafè / rinṭṛa ô tiem- muss | rint ̣ṛa ô tiemmuss russu. 0d0 connessa // mi pagaru 0e0 connessa / e ci puittavu i pìcciuli ô me principali. 0f0 connessa // lavavu i bicchìeri, i posati, chiḍḍi:: / i sòliti cùosi. 0g0 connessa // e telefonaru arrieri râ Rreggioni. // ppûn paninu. 0h0 connessa // cciû pigghiàvu. 0i1 ristretta e cci rissi ô me principali ca a cchi era ddà, 0j0 connessa / ieva a pigghiàri u seivvìziu. / 0k0 connessa ivu a ppigghiari u seivvìziu // niente. | nìenti. 0l0 connessa / e mmi carìu:: u termus chištu ruossu...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.