Show Less

Konstruktionsgrammatik in den romanischen Sprachen

Series:

Edited By Sabine De Knop, Fabio Mollica and Julia Kuhn

Trotz der allgemeinen Akzeptanz der Konstruktionsgrammatik für die Beschreibung sprachlicher Phänomene im englischen und deutschen Sprachraum hat das Modell der Konstruktionsgrammatik bislang wenig Interesse in der Romanistik gefunden. Dieser Band bietet zwölf konkrete Untersuchungen zu Konstruktionen unterschiedlicher Komplexitätsgrade aus der Morphologie, der Syntax und der Textlinguistik und zwar für die romanischen Sprachen Französisch, Italienisch, Spanisch, und Katalanisch, sowie für Latein, und zeigt dabei den Nutzen konstruktionsgrammatischer Beschreibungsansätze auf.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Ecco, ecco, l'ho trovata: La tenace persistenza di un'impalcatura cognitiva primaria*

Extract

Livio Gaeta 1. Introduzione Cos'è ecco? Per quanto la parola sia di ampia frequenza e di acquisizione precoce (cf. D'Odorico 2005: 90), il trattamento riservatole dalle grammatiche di riferimento e dai dizionari più diffusi in Italia è decisamente insoddisfacente, ancorché univoco. In genere viene trattato come avverbio, talora con la precisa­ zione che l'etichetta non è pienamente adeguata. Questa valutazione è pratica­ mente unanime, almeno nelle grammatiche e nei dizionari rivolti al grande pubblico. Rispetto a ciò è sorprendente osservare come le grammatiche che si pos­ sono considerare metodologicamente più avvertite mettano invece l'accento sul valore predicativo di ecco: ma evidentemente il loro messaggio non ha fatto breccia nelle grammatiche più comuni, forse anche a causa della trattazione cursoria che ne viene fornita. In questo contributo ci si prefigge innanzitutto di fornire un'analisi coerente di ecco nella sua reale consistenza linguistica, e in secondo luogo di trarre profitto dal modello teorico della Grammatica Costruzionale per metterne in luce la forza di * La citazione proviene da una filastrocca (o meglio una da sua reinterpretazione) che mia figlia Marta intorno ai venti mesi cantava con grande soddisfazione e modulando in modo molto divertente la voce: Farfallina bella e bianca, / 'vola 'vola e mai si stanca. / Vola in alto, / vola in basso / ecco, ecco l'ho trovata: / l'ho trovata in mezzo ai fior. A lei e a sua nonna Vitto, che gliel'ha insegnata, dedico questo articolo. Inoltre sono molto grato a Paolo D'Achille e a Claudia Fabrizio, oltre che a un revisore anonimo,...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.