Show Less

Le Lettere e le Arti

Due giornate in memoria di Daniela De Agostini

Series:

Edited By Margareth Amatulli and Anna Bucarelli

Questo volume costituisce la testimonianza di un incontro organizzato dal Dipartimento di Studi Internazionali dell’Università di Urbino Carlo Bo in memoria di Daniela De Agostini, docente di Letteratura francese e proustiana di lunga data. Nell’ottica interdisciplinare e intertestuale che contraddistingue la sua stessa produzione scientifica, colleghi e amici fanno ritorno alle passioni della studiosa e agli autori da lei amati e frequentati. Due saggi teorici di natura estetica e filosofica incorniciano una serie di contributi su Proust, Balzac, Flaubert, Stendhal e Perec tracciando nuovi percorsi tra letteratura, arte e cinema.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Bio-bibliografia di Daniela De Agostini

Extract

Daniela De Agostini nasce l’8 settembre 1950 a Torino, dove consegue la matu- rità classica nel 1969 presso il liceo statale «Vittorio Alfieri» prima di iscriversi, nel 1970, alla Facoltà di Lettere e filosofia� Nel 1974 si laurea in Lettere moderne con il massimo dei voti e dignità di stampa discutendo, sotto la direzione dei professori Lionello Sozzi e Franco Simone, una tesi in Storia della lingua francese dal titolo: Per un’edizione critica del Temps retrouvé. Indagine sui Cahiers ma- noscritti� Tra il 1975 e il 1984 beneficia di borse di studio, bandite dal Ministero degli Affari esteri, dal Consiglio nazionale delle ricerche e dal Ministero della Pubblica istruzione, che le permettono di sviluppare le ricerche già avviate nei tre volumi della sua tesi presso il Centre d’analyse des manuscrits modernes dell’École normale supérieure di Parigi� Dal 1976 al 1978 svolge il ruolo di eser- citatrice pratica per l’insegnamento della lingua francese nell’Istituto di Lingue e letterature straniere della Facoltà di Magistero dell’Università di Torino� Tra- sferitasi negli Stati Uniti, consegue una Full teaching assistantship alla Catholic University of America di Washington, dove rimane dal 1980 al 1983, dedican- dosi a un Ph�D in letteratura francese� Dopo un anno di insegnamento al liceo linguistico «Jean-Jacques Rousseau» di Torino, giunge a Urbino chiamata dal professor Giovanni Bogliolo per un incarico a contratto di Filologia francese che le sarà confermato per sette anni consecutivi, dal 1985 al 1992, presso l’Istituto di Lingue e letterature straniere moderne della Facoltà di...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.