Show Less
Restricted access

La lingua italiana dal Risorgimento a oggi- Das Italienische nach 1861

Unità nazionale e storia linguistica- Nationale Einigung und italienische Sprachgeschichte

Series:

Elmar Schafroth and Maria Selig

La ricorrenza del centocinquantesimo anno dalla fondazione dello Stato italiano offre spunto per andare alla ricerca dei processi storico-linguistici che si compirono o furono avviati con l’Unità d’Italia. Oggetto del volume sono le unità d’Italia, ossia le molteplici identità che contraddistinguono la società e la lingua italiane. Gli articoli ci mostrano che numerose identità linguistiche e culturali rispettano i confini nazionali codificati – o hanno addirittura contribuito a crearli – mentre altre li superano oppure si sviluppano in contesti regionali limitati. Questa dinamica complessa è presente tuttora, a distanza di 150 anni dall’unificazione politica.
Der 150. Jahrestag der Gründung des italienischen Staates ist ein Anlass, den sprachgeschichtlichen Prozessen nachzuspüren, die durch die politische Einigung Italiens vollendet oder angestoßen wurden. Le unità d’Italia, die vielfältigen Identitäten, die die italienische Gesellschaft und die italienische Sprache prägen, sind der Gegenstand dieses Bandes. Die Beiträge zeigen, dass zahlreiche sprachliche und kulturelle Identitäten die nationalen Grenzziehungen respektieren, ja mit geschaffen haben, andere aber über diese Grenzen hinausgehen oder sich in begrenzteren regionalen Bezügen entwickeln. Diese vielfältige Dynamik ist auch 150 Jahre nach der politischen Einigung immer noch lebendig.
Show Summary Details
Restricted access

Gli slogan pubblicitari e la loro diffusione nei forum del web: Nicola Brocca, Davide Garassino

Extract

L’influsso della pubblicità televisiva sull’italiano è stato oggetto d’analisi della linguistica fin dai primi anni di diffusione del piccolo schermo (per esempio Migliorini 1963, De Mauro 1967, 1973, Medici 1986, Perugini 1994), ma un aspetto ancora inesplorato è l’uso degli slogan1 pubblicitari televisivi nei forum di discussione del web.

La nostra ricerca intende affrontare questo tema;2 nei forum, infatti, gli slogan appaiono nelle conversazioni degli utenti anche a distanza di diversi anni dalla prima comparsa in televisione e il loro valore è spesso indipendente dal contenuto originario del messaggio pubblicitario. Inoltre i forum, per le loro peculiari caratteristiche,3 sembrano offrire non solo uno ← 217 | 218 → spazio (virtuale) per la negoziazione di nuovi significati, ma anche una cassa di risonanza per l’innovazione linguistica.4

La fortuna delle réclame nel web trova inoltre giustificazione nella funzione che esse assumono nell’organizzazione testuale dei forum. Il forum, in quanto genere «nuovo», non ancora normalizzato da una tradizione, ha dovuto assumere nuovi rituali di apertura e di chiusura del messaggio e nuovi modi di espressione adatti alle esigenze del medium. Il repertorio degli spot pubblicitari ha contribuito a fornire il materiale linguistico necessario per colmare queste lacune: lo slogan si adatta perfettamente alle esigenze del forum perché mette a disposizione frasi che riassumono in poche parole lunghi concetti, personaggi ed episodi esemplari alla portata degli utenti, e ancora epiteti ed espressioni idiomatiche usate come pezze d’appoggio per costruire un discorso.

Questo materiale, cristalizzandosi, ha perso gradualmente il legame con la...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.