Show Less
Restricted access

Carminis Personae – Character in Roman Poetry

Series:

Edited By Maria Grazia Iodice and Mariusz Zagorski

This volume contains a collection of papers by an international team of scholars covering the subject of literary character in Roman poetry. The list of authors discussed in the book includes the most prominent poets of Augustan and Imperial period like Horace, Vergil, Propertius, Ovid, Lucan and an epigrammatist of the 6 th century A.D., Maximianus Etruscus. Problems treated vary from theoretical through poetical to historical questions. Different points of view presented in the book give a deep insight into modern discussion on both theory and practice of literary character in ancient Roman literary tradition.
Show Summary Details
Restricted access

Gaius Cornelius Gallus come personaggio letterario: Barbara Milewska-Waźbińska

Extract

Gaius Cornelius Gallus come personaggio letterario

Barbara Milewska-Waźbińska

Gaio Cornelio Gallo fu coetaneo e amico di Virgilio. Da giovane scelse la carriera militare e politica, diventò il primo prefetto dell’Egitto. Dalle testimonianze degli storici antichi: Svetonio, Cassio Dione ed Ammiano Marcellino, nonché dal cenno fatto da Ovidio, risulta1 che Cornelio Gallo fu coinvolto in una rete di intrighi e si fece parecchi nemici.2 Accusato di abusi, si suicidò.

Cornelio Gallo fu anche, o forse soprattutto, poeta. Egli tradusse in latino, come si suppone, le opere del poeta alessandrino Euforione, e fu autore di quattro libri di elegie amorose nelle quali descrisse, tra l’altro, la sua passione per l’attrice Cytheris3 che egli cantò sotto il nome di Lycoris.4

Dalle opere di Cornelio Gallo ci sono rimasti soltanto lacerti, piccoli frammenti che non entusiasmano per il loro valore artistico. L’epiteto durior attribuito da Quintiliano5 a colui che egli considerava il padre della elegia amorosa romana, può essere giustificato, anche se oggi la maggior parte degli studiosi è incline alla tesi secondo la quale questo aggettivo si riferisce piuttosto alla prima tappa dello sviluppo dell’elegia romana, e non al poeta stesso.

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.