Show Less
Restricted access

Dall’architettura della lingua italiana all’architettura linguistica dell’Italia

Saggi in omaggio a Heidi Siller-Runggaldier

Edited By Paul Danler and Christine Konecny

Il presente volume in omaggio a Heidi Siller-Runggaldier, professoressa di linguistica italiana dell’Università di Innsbruck (Austria), comprende più di 40 saggi incentrati sull’architettura in senso linguistico: dopo la prima sezione sull’ architettura della lingua italiana ovvero sull’insieme delle sue variazioni a livello diacronico, diatopico, diastratico, diafasico e diamesico, segue una seconda sezione i cui contributi riguardano l’ architettura linguistica dell’Italia, ovvero la situazione linguistica in Italia e le diverse lingue minoritarie parlate sul territorio italiano (per esempio il ladino, il friulano, il sardo, il cimbro). In fondo al volume vi è una terza ed ultima sezione intitolata L’italiano nel mondo, che contiene fra l’altro contributi sull’italiano quale lingua soggetta a fenomeni linguistici panromanzi, paneuropei e internazionali.
Show Summary Details
Restricted access

Anzichenò

Extract



LUCA SERIANNI (ROMA)

I dizionari italiani contemporanei si comportano in modo non uniforme nei confronti di questa espressione avverbiale (che si presenta anche nella variante non univerbata anzi che no, più rara): o non la contemplano affatto, come Devoto-Oli (2012); o la registrano senza implicazioni di registro, come De Mauro (1999);1 o, infine, ne additano l’effettivo àmbito d’uso come Zingarelli (2011):

anzichenò o anzi che no [da anzi, che e no • 1818] avv. • (scherz.) Piuttosto, alquanto (gener. posposto al concetto che si vuole rafforzare): è noiosino a.; soleva raccontar la sua storia ... lunghettamente anzi che no (A. Manzoni).

Il dizionario bolognese mette in evidenza il registro scherzoso in cui oggi ricorre l’espressione, rileva opportunamente la sua collocazione abituale, la illustra con due esempi, uno redazionale e uno d’autore, scelti felicemente perché, come vedremo, cooccorrenti con forme alterate. Da correggere solo la datazione: in realtà anzichenò è un arcaismo che, come in tanti altri casi, è sopravvissuto in una sorta di nicchia ecologica.

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.