Show Less
Restricted access

L’umorismo in pubblicità

Con una valutazione dell’impatto dell’umorismo nella pubblicità a scopo sociale

Pier Paolo Pedrini

Lo studio analizza le motivazioni che incitano un’azienda a comunicare mediante l’umorismo, come pure gli effetti di senso prodotti. Dopo un’introduzione storico-filosofica volta a mostrare com’è modificata la speculazione sul comico, viene discusso il ruolo odierno della pubblicità e le sue linee di tendenza per scoprire come si giustifica l’utilizzo dell’umorismo. Lo humour è considerato in chiave strumentale al fine di trarre indicazioni su dove, come e quando sia più utile sceglierlo. Per quali prodotti, mezzi e target è idoneo? Quali obiettivi strategici persegue? Quali i vantaggi e gli svantaggi? In particolare si analizza il suo uso nelle pubblicità sociali contro il fumo e a questo proposito vengono esaminate le reazioni di 300 studenti universitari alla visione di una comunicazione umoristica e di una ansiogena, per trarre indicazioni sull’efficacia delle diverse strategie dal punto di vista cognitivo, affettivo e comportamentale.
Dal contenuto: Introduzione storico filosofica – La comunicazione aziendale – La pubblicità umoristica (Il contesto sociale, Gioco e paradosso in pubblicità, Le motivazioni aziendali) – Il senso dello humour – La comunicazione sociale – L’umorismo nelle comunicazioni sociali contro il fumo.