Show Less
Restricted access

Studio sul significato di 'esse', 'forma', 'essentia' nel primo libro dello scriptum in libros sententiarum di San Tommaso d'Aquino

Series:

Brenno Bernardi

Diversamente dal De principiis naturae e dal De ente et essentia dove S. Tommaso precisa il significato dei termini fondamentali della sua metafisica in modo sintetico e sistematico, lo Scriptum in libros Sententiarum permette di vedere più dettagliatamente qual è stato l'uso che l'Aquinate ne ha fatto nella pratica del suo primo insegnamento, in che modo la sua terminologia si è arricchita in rapporto ad un ampio e complesso arco problematico, e come si è differenziata nei suoi significati. Da qui la presente ricerca condotta sul primo libro dello Scriptum tomista volta a chiarire i significati di esse, forma, essentia e altri termini a questi relativi tenendo conto della diversità dei contesti, problemi filosofici e teologici che comportano, e di fonti probabili. A questo riguardo un'attenzione particolare è stata riservata a determinate opere del maestro dell'Aquinate S. Alberto Magno.
Contenuto: Il vocabolario dell'essere di S. Tommaso d'Aquino è ricostruito a partire da determinate formule esaminate nel loro uso («forma facit esse», «esse est actus essentiae») o da determinate quaestiones o problemi (fondamento della conoscenza vera; composizione delle sostanze spirituali) studiati per chiarire la terminologia che comportano. Lo studio si conclude con l'esame dei termini nei testi relativi a Dio e con una tavola dei diversi significati di «esse, forma, essentia, ecc.» nel I Sent.