Show Less
Restricted access

Giorgio Bassani, poeta di se stesso

Un commento al testo di "Epitaffio</I> (1974)

Series:

Michele Gialdroni

Questo studio si propone una rivalutazione dell'attività poetica di Giorgio Bassani immediatamente successiva alla pubblicazione del Romanzo di Ferrara (1973). Si tratta di un primo tentativo di approccio sistematico alla raccolta Epitaffio, del 1974, in cui si tiene conto fondamentalmente di due aspetti: la continuità tra l'opera in versi e quella in prosa e l'inserimento della raccolta nel contesto delle problematiche sviluppate dalla migliore poesia italiana contemporanea. Particolarmente interessante si rivela la traccia del ripensamento, del superamento e del rifiuto degli stilemi ermetici che avevano affascinato l'autore in gioventù. Un contrappunto costante in questo senso è costituito dai confronti con la produzione poetica dell'ultimo Montale.
Dal contenuto: L'autore di se stesso tra narcisismo e metapoesia - L'approccio - Le due strategie di lettura - Caratteristiche d'insieme - Intertestualità - Segnale d'inizio, strutture intermedie e segnale di fine - L'immagine del poeta - Il poeta e la tecnologia: mezzi di comunicazione e di locomozione - La concezione parmenidea dell'esistenza.