Show Less
Restricted access

Idéologies sur la langue et médias écrits : le cas du français et de l’italien / Ideologie linguistiche e media scritti: i casi francese e italiano

Series:

Edited By Wim Remysen and Sabine Schwarze

Cet ouvrage est le second de deux volumes publiés à la suite de la troisième édition du colloque international Les idéologies linguistiques dans la presse écrite : l’exemple des langues romanes (ILPE 3), tenue à l’Université d’Alicante en octobre 2017. Il réunit 15 articles qui abordent, sous divers angles, la question des idéologies linguistiques véhiculées dans la presse de langue française et italienne.

Questo libro è il secondo di due volumi pubblicati in seguito alla terza edizione del colloquio internazionale La mediazione di ideologie linguistiche attraverso la stampa: il caso delle lingue romanze (ILPE 3), tenutosi presso l'Università di Alicante nell'ottobre 2017. Raccoglie 15 contributi che affrontano, da angolazioni diverse, temi relativi alle ideologie linguistiche veicolate dalla stampa francese e italiana.

Show Summary Details
Restricted access

L’inevitabilità dell’uso: tre punti di vista sull’italiano in Internazionale (Fabio Ruggiano / Martina Toscano)

Extract

Fabio Ruggiano (Università di Messina) Martina Toscano (Università di Messina)

L’inevitabilità dell’uso: tre punti di vista sull’italiano in Internazionale

Riassunto: Il giornale Internazionale fornisce tre esempi di professionisti che, ognuno dalla sua prospettiva, propongono opinioni di natura linguistica, affrontando il multiforme problema del rapporto tra norma e uso nell’italiano contemporaneo.

Gli autori esaminati sono accomunati dal taglio ironico dei loro interventi, declinato in modo diverso: il compianto Tullio De Mauro cede al sarcasmo, la creativa Annamaria Testa canzona senza pungere il modo di comunicare con l’esterno delle istituzioni italiane, la giornalista Giulia Zoli lo sfrutta per dare brillantezza al suo discorso. Dietro l’ironia, però, si rivelano le opinioni linguistiche, ora moderate, ora decise nell’accettare o nel rifiutare neologismi, tratti emergenti, prestiti dall’inglese. Filtrate dalle parole dei tre autori, inoltre, si rivelano le opinioni e le pratiche comunicative di attori sociali direttamente impegnati in campo linguistico, come il MIUR e l’Accademia della Crusca, ma anche dei lettori, curiosi, dubbiosi, o convinti delle loro idee, perché aderenti alla norma, e non disposti a cedere alle ragioni dell’uso.

Abstract: The Journal Internazionale provides three examples of professionals who, each from their perspective, offer opinions of a linguistic nature, facing the multifaceted problem of the relationship between norm and use in contemporary Italian.

The authors examined are united by the ironic cut of their contributions, declined in a different way: the late Tullio De Mauro yields to sarcasm, the creative Annamaria Testa teases without...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.