Show Less
Restricted access

Linguaggio e comicità

Lingua, dialetti e mistilinguismo nell’intrattenimento comico italiano tra vecchi e nuovi media

Edited By Sandra Covino and Vincenzo Faraoni

Il comico e le molteplici manifestazioni del riso sono stati già ampiamente indagati da vari punti di vista: filosofico, letterario, psicologico, drammaturgico, musicale e, non ultimo, linguistico. Ciò nonostante, lo sviluppo delle comunicazioni di massa e dei contesti sociali caratterizzati dal contatto di varietà e di lingue diverse impongono di aggiornare la riflessione su strutture ed espedienti del linguaggio comico, che da una parte presenta strategie ricorrenti e linee di continuità nel tempo e nello spazio, d’altro canto, però, appare fortemente legato al contesto culturale e alle regole pragmatiche della comunità che di volta in volta lo esprime.

Il volume si propone di puntare l’obiettivo sulla realtà italiana e sullo sfruttamento a fini comici e parodici del suo ricco repertorio linguistico, contraddistinto, storicamente ma anche nella vicenda contemporanea, da una particolare vitalità delle varietà locali e dall’apertura a ibridazioni di vario tipo, interne ed esterne al diasistema di riferimento.

Show Summary Details
Restricted access

Lingua e dialetto negli scritti satirici di Federico Maria Sardelli (Lorenzo Filipponio)

Extract

Lorenzo Filipponio

(Universität Zürich)

Lingua e dialetto negli scritti satirici di Federico Maria Sardelli

Abstract

Federico Maria Sardelli is a musician, a musicologist and an illustrator leading a parallel life as a contributor of the satiric journal Il Vernacoliere. Since his youth, he fills the pages of the journal with comics and satirical texts, which are periodically collected in thematic books. Two of them are analyzed in this chapter. The first one, I Miracoli di Padrepio, tells some miserable stories of superstitious people (whose failures are only very partially restored by the interventions of the Holy Padre Pio) by using a pastiche of southern Italo-Romance dialects and Tuscan gathered in a disrupted syntax. The second one, Il libro Cuore (forse), is a parody of De Amicis’ Cuore, whose stories of sacrifice and heroism are turned in episodes of greed, egoism and meanness described with a bombastic late 19th Century Italian which sometimes collapses by the insertion of rough vulgarisms. For the sake of comedy, the linguistic choices play a fundamental role in these two works.

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.