Show Less
Restricted access

Variazioni sull'apocalisse

Un percorso nella cultura occidentale dal Novecento ai giorni nostri

Series:

Edited By Alessandro Baldacci, Anna Małgorzata Brysiak and Tomasz Skocki

L’apocalisse, nelle sue innumerevoli forme e interpretazioni, costituisce uno dei temi cardine della cultura e dell’immaginario collettivo dell’ultimo secolo, in cui ritorna costantemente l’idea della fine e del «dopo la fine». Il volume si propone di indagare, in ottica comparata e interdisciplinare, le più diverse narrazioni e rappresentazioni apocalittiche del XX e XXI secolo, spaziando dalla letteratura al cinema, dall’arte alla filosofia, fino alle serie televisive contemporanee.

Show Summary Details
Restricted access

“Non ci sarà altra fine del mondo”. L’apocalisse di Czesław Miłosz (Patrycja Polanowska)

Extract

Patrycja Polanowska

“Non ci sarà altra fine del mondo”. L’apocalisse di Czesław Miłosz

Abstract: The article aims to represent the apocalyptic motif in the oeuvre of Czesław Miłosz, the winner of the Nobel Prize in 1980. After a brief overview of biographical considerations (including the experience of two world wars) along with both the discussion of catastrophism in literature and Miłosz’s own translation of the Apocalypse, the analysis focuses on A Song on the End of the World. The final part of the paper highlights the fundamental constants in Miłosz’s poetic world.

Keywords: poetry, humanism, catastrophism, history, World War II

“In realtà sono stato tutta la vita in potere di un daimon e io stesso non so bene come siano nate le poesie che esso mi dettava”1. Le parole citate, che incontriamo nel testo della prima lezione americana di Czesław Miłosz, sembrano rispecchiare l’essenza della sua produzione letteraria che diventò un faro per l’umanità negli anni più bui del Novecento. Il carattere perentorio ed assoluto dei suoi versi viene sempre retto dal rapporto saldato fra particolare ed universale, un rapporto che sublima gli oggetti rappresentati, costringendo il lettore a superare i limiti della concretezza figurativa.

L’inclinazione apocalittica del mondo letterario di Miłosz era in gran parte determinata dalla sua esperienza personale della guerra e così gli avvenimenti bellici sembrano persino gravare sulle sue parole e decidere il procedere tragico delle...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.