Show Less

La corrispondenza di Lodovico Antonio Muratori col mondo germanofono

Carteggi inediti- Con la collaborazione di Daniela Gianaroli

Series:

Edited By Fabio Marri and Maria Lieber

Si completa l’edizione delle lettere scambiate tra Muratori (1672-1750) e i suoi numerosi corrispondenti di area tedesca. I carteggi coi nomi più noti (come Imhof, i Mencke, i Fabricius) erano stati curati dagli stessi autori in due pubblicazioni di questa collana ( L. A. Muratori und Deutschland, 1997; Die Glückseligkeit des gemeinen Wesens, 1999); vi si aggiunge qui, fra gli oltre 30 carteggi, quello inedito di ben 142 lettere (comprese due di Muratori, finora non attribuite) con Gottfried Philipp Spannagel, tedesco dalle origini misteriose che in Italia si presentò come «Goffredo Filippi». Sono incluse varie corrispondenze austriache, fino ad oggi edite solo in minima parte. I testi sono pubblicati dopo accurata revisione sugli originali, e preceduti da ampie introduzioni.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Gottfried Rubin 175

Extract

175 GOTTFRIED RUBIN Non disponiamo di informazioni su questo personaggio, che chiese notizie a Muratori di un suo quasi-omonimo, il canonico e teologo dell’Ambrosiana Nicolò Rubini, al quale Muratori aveva dedicato la ristampa del suo trattato sulla corona ferrea,1 e che di lì a poco, nella dissertazione LVII delle Antiquitates Italicae (stampata nel vol. IV, 1741) avrebbe definito “doctissimo viro, meique amantissimo”.2 Nella prima lettera, Rubin indicò come qualifica e indirizzo “candidat en Droits chez Mr. Le Bailley Weihenmeier”, nella seconda “chez mr. Lenz ban- quier tres connu“. Da ciò si può dedurre che si trovasse a Tubinga come studente di legge e allievo dell’antica accademia cavalleresca Collegium illustre, oggi seminario vescovile della Wilhelmsstift. Rubin voleva sapere se questo Rubini fosse ancora in vita, desiderando altri dettagli genealogici per appurare un’eventuale parentela, su cui forniva qualche dato che poteva riuscire utile: il padre Christian era stato rettore del ginnasio di Köln an der Spree (presso Berlino) e tra i suoi avi si contavano vari religiosi, “ministri verbi divini” in luoghi come Mesow.3 Anche nella seconda lettera, spe- 1 De corona ferrea, qua Romanorum imperatores in Insubribus coronari solent commenta- rius Ludovici Antonii Muratorii (Leipzig, Weidmann/ Milano, Malatesta, 1719), dedicata “Eruditissimo, ac humanissimo viro Nicolao Rubino Metropolitanae Basilicae Canonico Ordin. ac Theologo, L. A. Muratorius”. 2 Che diverrà “un singolare e dottissimo amico mio” nelle Dissertazioni sopra le antichità italiane del 1751, vol. III, p. 231. Rubini fu citato a proposito dei digiuni canonici delle “quattro tempora”, cui...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.