Show Less
Restricted access

Dalla prosa ai versi

Forme, usi, contesti della poesia didascalica grammaticale tra XII e XIII sec. Con l'«editio princeps» del «De voce» (Einsiedeln, Stiftsbibliothek Cod. 300)

Series:

Carla Piccone

La trasposizione in versi di testi in prosa già esistenti è un fenomeno letterario e culturale che conosce la sua acme tra il XII e XIII secolo, periodo in cui ogni campo del sapere viene versificato. Partendo da questo assunto, il presente lavoro si incentra sulla letteratura didascalica a tema grammaticale. Nella prima parte l’autrice indaga le diverse percezioni della forma poetica nei vari generi della letteratura mediolatina, con particolare riferimento alla poesia didascalica, e tenta di ricostruire le diverse modalità in cui i singoli grammatici presi in esame si relazionano con i loro precedenti in versi. Inoltre, esamina i fini che giustificano questa operazione letteraria. Nella seconda parte viene presentata la prima edizione, corredata di traduzione, di una versificazione dei primi due libri delle Institutiones di Prisciano, tradita nel manoscritto Einsiedeln, Stiftsbibliothek 300 e finora ignorata dalla ricerca.
Show Summary Details
Restricted access

Sull’autore

Sull’ autore

Extract

Carla Piccone (1977) ha studiato Lettere Classiche presso le Università di Siena e di Freiburg im Breisgau. È stata borsista del Nationaler Forschungsschwerpunkt „Medienwandel – Medienwechsel – Medienwissen. Historische Perspektiven” presso l’Università di Zurigo, dove nel 2011 ha ottenuto il dottorato in Filologia Mediolatina. Attualmente lavora presso il Zentrum für Mittelalter- und Frühneuzeitforschung dell’Università di Göttingen.

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.