Show Less
Restricted access

Il discorso accademico italiano

Temi, domande, prospettive

Series:

Maria Załęska

Il volume contestualizza il discorso accademico italiano sullo sfondo della problematica generale della trasmissione del sapere. I contributi, ispirati all’analisi del discorso, retorica, pragmatica e storia delle idee, sono raggruppati in tre parti. La prima offre una prospettiva storico-culturale sullo sviluppo dei concetti relativi alla comunicazione della scienza. La seconda presenta varie realizzazioni del discorso accademico italiano, confrontate con le pratiche comunicative in altre lingue. La terza è dedicata ai casi di confine che suscitano dubbi, in quanto non adempiono a qualche criterio ritenuto pertinente per il discorso accademico.

Show Summary Details
Restricted access

La letteratura come fonte di informazione scientifica? Il caso delle Medical Humanities (Hanna Serkowska)

Extract

| 153 →

Hanna Serkowska

Università di Varsavia

La letteratura come fonte di informazione scientifica? Il caso delle Medical Humanities1

1. Introduzione

Da qualche anno, nel mondo anglosassone, ha preso piede come disciplina autonoma la cosiddetta Humanistic Medicine; pure in diversi altri paesi questo termine, perfettamente acquisito, funziona a livello tassonomico. Il termine vuole indicare un incrocio di metodologie, prospettive e strumentazioni che collegano la scienza medica alle discipline umanistiche, compresa la letteratura.

Questa novità è stata accolta con orgoglio e sollievo dai rappresentanti delle humanities, discipline non ancora rassegnate alla resa delle armi, arroccatesi sui bastioni tutt’ora di loro dominio, seppur spesso costrette – dalle politiche ufficiali – sulla difensiva. Che lo sposalizio con una disciplina, come la medicina, reputata non inutile né eccessivamente costosa, rinnovi l’attenzione per la sconsacrata umanistica, è provato dall’interesse, in crescita da almeno cinquant’anni, che il regno di Esculapio dimostra verso la narrazione. Tale interesse è legato, tra l’altro, alla sempre maggiore importanza delle storie che raccontano l’esperienza della malattia, della vecchiaia e della morte. Queste narrazioni, in particolare agli occhi di chi si occupa della cura dei pazienti, significano comprensione e conoscenza. La narrazione letteraria, in breve, serve alla medicina come un grande repertorio di storie che narrano singoli casi di attraversamento della malattia.

D’altra parte la frequenza con cui nei testi letterari e di ambizione letteraria, ma anche in varie testimonianze e autobiografie romanzate, oltre che nella poesia, ci si richiama ai problemi di vecchi,...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.