Show Less
Restricted access

Migrazioni letterarie nel Settecento italiano: dal movimento alla stabilità

Series:

Edited By Sara Garau

Il volume raccoglie i contributi dell’omonima sezione del 35. Romanistentag. Attraverso una serie di casi esemplari, affiancati da indagini di carattere tipologico, intende contribuire a circoscrivere quella modalità, così diffusa nel Settecento italiano, di migrazioni artistiche e letterarie, che non rientrano propriamente nell’esperienza odeporica, ma nemmeno sono già determinate da fattori politici. Il libro si articola seguendo gli spostamenti in senso geografico; include insieme uno sguardo intermediale, verso le arti figurative. Si mette in luce così non solo la varietà delle motivazioni e dei canali di trasferimento, ma anche i modi d’inserimento nell’alterità culturale e di rielaborazione letteraria dell’esperienza migratoria.

Show Summary Details
Restricted access

Rosalba Carriera, una pittrice veneziana in Europa (Ricciarda Ricorda)

Extract

Ricciarda Ricorda

Rosalba Carriera, una pittrice veneziana in Europa

Abstract: Rosalba Carriera, Venetian painter and miniaturist, was renowned all over Europe in the 18th century: Grand Tourists, diplomats, and sovereigns visiting Venice would request she paint their portraits, and she was invited to several European courts. She decided to leave Venice to go to Paris in 1720; her stay lasted less than one year, but the experience was of great importance for her growth and professional affirmation. She was welcomed with great honour and was elected a member of the Académie Royale de Peinture, visited monuments and galleries, and painted extensively. Asked to remain in Paris, she preferred to go back to Venice. Some years later, she went to Vienna, where she made the portraits of the royal family members. This paper aims to point out the profile of a true European woman artist, who established international connections while she was in Venice and felt herself at home when she went abroad to work.

Nel variegato quadro delle migrazioni settecentesche, uno spazio ancora poco indagato riguarda le esperienze delle donne che, nel corso del secolo, si sono confrontate sul piano professionale con un contesto europeo, ponendosi al centro di reti di relazioni e rapporti anche di grande ampiezza e di alta significatività.

Non si è trattato di esperienze diffuse e nemmeno facili da intraprendere, così come raramente ne è rimasta testimonianza affidata alla scrittura, che permetta di ricostruirne nel dettaglio caratteri ed elementi...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.