Show Less

La corrispondenza di Lodovico Antonio Muratori col mondo germanofono

Carteggi inediti- Con la collaborazione di Daniela Gianaroli

Series:

Edited By Fabio Marri and Maria Lieber

Si completa l’edizione delle lettere scambiate tra Muratori (1672-1750) e i suoi numerosi corrispondenti di area tedesca. I carteggi coi nomi più noti (come Imhof, i Mencke, i Fabricius) erano stati curati dagli stessi autori in due pubblicazioni di questa collana ( L. A. Muratori und Deutschland, 1997; Die Glückseligkeit des gemeinen Wesens, 1999); vi si aggiunge qui, fra gli oltre 30 carteggi, quello inedito di ben 142 lettere (comprese due di Muratori, finora non attribuite) con Gottfried Philipp Spannagel, tedesco dalle origini misteriose che in Italia si presentò come «Goffredo Filippi». Sono incluse varie corrispondenze austriache, fino ad oggi edite solo in minima parte. I testi sono pubblicati dopo accurata revisione sugli originali, e preceduti da ampie introduzioni.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Gabriel Groddeck 75

Extract

75 GABRIEL GRODDECK Gabriel Groddeck, figlio del commerciante Albert, nacque il 7 gennaio 1672 a Danzica, dove fino al 1692 frequentò il ginnasio accademico;1 dal 1693 studiò all’università di Lipsia, dove si laureò. Per potersi candidare nel 1695 al Colle- gium Beatae Mariae Virginis di Lipsia, pur non avendo conseguito la libera docenza, dovette rivolgersi al principe elettore Federico Augusto I di Sassonia (Augusto il Forte).2 La sua dottrina e i contribuiti scientifici fecero sì che egli venisse definito “restaurator obsoleti totius Prussiae beneficii”.3 Nella primavera del 1695 Groddeck compì un viaggio di studio che lo portò a visitare l’Olanda, la Francia, l’Inghilterra e l’Italia e gli permise di incontrare gli eruditi più illustri del tempo.4 Durante un soggiorno a Parigi perfezionò, gra- zie a Louis Dufour de Longuerue, la sua conoscenza delle lingue orientali.5 Nel giugno del 1697 ritornò a Lipsia, dove conseguì la libera docenza e l’anno successivo, all’età di ventisei anni, fu eletto professore straordinario di lingue orientali.6 Nell’estate del 1699 fu eletto professore ordinario di filosofia (“philosophiae primae et practicae”) presso il ginnasio accademico di Danzica, e nel dicembre dello stesso anno assunse il ruolo di professore e di bibliotecario. Il 14 novembre 1701 Groddeck ebbe l’onore di entrare, seppur come membro esterno, nell’Accademia prussiana delle scienze di Berlino.7 Poco prima della immatura morte, avvenuta il 12 settembre 1709 per un’epidemia di peste, era divenuto professore ordinario di lingue orientali,8 e aveva già raggiunto una fama durevole, pronosticata anche da Muratori nella...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.