Show Less

Un dizionario elettronico delle collocazioni come rete di relazioni lessicali

Studio sul campo semantico della "paura</I>

Series:

Laura Giacomini

Lo studio, condotto sul campo semantico di paura, mira alla creazione di un modello di dizionario elettronico delle collocazioni italiane con finalità attiva. I dati automaticamente estratti da un corpus di testi giornalistici contenente all’incirca 300 milioni di parole vengono sottoposti ad una approfondita analisi lessicologica che alla descrizione sintagmatica delle collocazioni candidate aggiunge parametri tratti dagli studi psicologici nonché i ruoli tematici, l’azione verbale e il concetto di prototipo. Ciò consente la suddivisione delle collocazioni in macroclassi con specifiche caratteristiche sintattiche, semantiche e pragmatiche. Ne risulta una base lessicografica di tipo onomasiologico, in cui i nessi tra collocazioni sono visibili all’utente grazie ad un solido sistema di rinvii.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

4 Modellizzazione di una banca dati contenente le collocazioni italiane

Extract

Dopo la dettagliata trattazione del lavoro prelessicografico nel precedente capi- tolo, verranno ora presentate le proposte di applicazione del materiale collocati- vo. Il capitolo 4 illustra la proposta di inserimento delle collocazioni in una ban- ca dati lessicale; a ciò seguirà al capitolo 5 la descrizione del modello di diziona- rio elettronico, la cui base lessicografica sono le informazioni sulle collocazioni che possono essere ricavate in modo automatizzato dalla banca dati stessa. Tra le numerose risorse linguistiche attualmente disponibili online, vi sono alcune banche dati lessicali che si propongono di rappresentare il lessico di una lingua come rete di relazioni semantiche fondate su una ontologia più o meno esplicitata. Si svilupperà nella parte iniziale del capitolo l'idea di integrare una tra le maggiori reti lessicali, WordNet, con le collocazioni italiane (sezione 4.1). La sezione 4.2 è dedicata al tema delle ontologie quali principi organizzativi del nostro inventario lessicale (e della banca dati stessa), e vi vengono discusse le problematiche relative al rapporto tra categorizzazione linguistica ed extralin- guistica. Si procede nella sezione 4.3 ad una descrizione della macrostruttura della banca dati, trattando nello specifico di come la presentazione delle colloca- zioni, il principio di prototipicità e le peculiarità legate alle accezioni specialisti- che debbano essere fatti collimare con il tipo di tassonomia lessicale179 scelto. La sezione 4.4 tratta infine del concreto inserimento delle collocazioni nella mi- crostruttura della banca dati e la loro suddivisione in cinque classi semantiche e sintattiche: tramite questa classificazione, le informazioni sulle collocazioni su- biscono una formalizzazione...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.