Show Less

«Noio volevàn savuàr»

Studi in onore di Edgar Radtke del sessantesimo compleanno- Festschrift für Edgar Radtke zu seinem 60. Geburtstag

Series:

Edited By Silvia Natale, Daniela Pietrini, Nelson Puccio and Till Stellino

La miscellanea in occasione del sessantesimo compleanno di Edgar Radtke contiene una serie di articoli scientifici redatti dai suoi colleghi, amici e allievi. Gli articoli riguardano diverse aree della linguistica e trattano l’italiano e il francese contemporaneo, il substandard, il linguaggio giovanile come anche aspetti del lessico e delle lingue settoriali. Al centro dell’interesse anche i cambiamenti linguistici e sociali, la storia e la riflessione linguistica, la geolinguistica e l’etnolinguistica e questioni centrali nell’ambito linguistico e culturale della Campania.
Die Festschrift anlässlich des 60. Geburtstags von Edgar Radtke enthält eine Reihe von wissenschaftlichen Aufsätzen von Kollegen, Freunden und Schülern aus verschiedenen Bereichen der Sprachwissenschaft. Die Beiträge umfassen diverse Thematiken: Behandelt werden unterschiedliche Gebiete des Italienischen und Französischen der Gegenwart, des Substandards und der Jugendsprache sowie Fragen aus Lexik und Fachsprachen. Sprach- und Gesellschaftswandel, Sprachgeschichte und Sprachreflexion, Geo- und Ethnolinguistik sowie Fragestellungen zum kampanischen Sprach- und Kulturraum werden ebenfalls diskutiert.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

Migrazioni e variazione dialettale nelle isole del Golfo di Napoli: alcune riflessioni sui modelli di dialect mixing. Rosanna Sornicola

Extract

Migrazioni e variazione dialettale nelle isole del Golfo di Napoli: alcune riflessioni sui modelli di dialect mixing Rosanna Sornicola 1. Le isole del Golfo di Napoli, habitat migratorio di lungo periodo Come nel caso di altre isole del Mediterraneo, la storia delle isole del Golfo di Napoli, Capri, Ischia e Procida, fornisce una conferma dei recenti modelli di geografia economica che mettono in discussione le più tradizionali tesi di un generale carattere segregante della condizione isolana in quanto tale, per soste- nere invece che in parti del mondo ed epoche diverse tale condizione geografica ha dato vita ad habitat multiculturali e multilingui, con attività economiche a largo raggio, consentite e anzi facilitate dal commercio marittimo1. Non fa me- raviglia che il Mediterraneo, con la sua straordinaria storia plurimillenaria di spazio marino che ha favorito migrazioni, scambi culturali e traffici economici, offra numerosi casi di studio al riguardo, che permettono una più articolata ri- flessione sul modello generale. Le vicende delle isole partenopee sono ricche di eventi che possono interessare non solo lo storico e il geografo, ma anche l’antropologo e il linguista. Abitate sin dalla preistoria e inserite in rotte millena- rie del commercio dell’ossidiana, si presentano all’alba della storia del Mediter- raneo occidentale come importanti stazioni commerciali, emporiai, nel traffico di metalli di epoca micenea, in un circuito che va al dall’Elba all’Anatolia e alle isole dell’Egeo. Ischia e Procida, chiamate isole Pithecusae da alcune fonti stori- che dell’antichità, furono i primi avamposti della colonizzazione greca in Occi- dente....

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.