Show Less

Fraseologia e fraseografia bilingue

Riflessioni teoriche e applicazioni pratiche nel confronto Tedesco-Italiano

Series:

Luisa Giacoma

Dopo un inquadramento teorico della fraseologia e una panoramica della fraseografia monolingue e bilingue viene qui analizzato il trattamento delle espressioni idiomatiche all’interno dei dizionari di Tedesco-Italiano. Ne emerge la necessità di migliorarne la registrazione lessicografica e pertanto vengono illustrate le scelte fatte a tal fine nei dizionari dei quali Luisa Giacoma è coautrice. Chiude questo studio una proposta di voce «ideale» che sintetizza quanto è stato fatto negli ultimi anni, soprattutto nei dizionari fraseologici di Hans Schemann, e quanto resta ancora da fare per rendere sempre più usufruibile il patrimonio di espressioni idiomatiche, introducendo informazioni che ne descrivano in modo esplicito gli aspetti lessicali, sintattici, semantici, pragmatici e stilistici.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

5 Conclusioni

Extract

Questo lavoro ha potuto affondare le sue radici nella fertile terra della ricerca fraseografica di area tedescofona (principalmente tedesca e svizzera), la quale ha anche il merito di aver fatto conoscere all’Europa occidentale questa disciplina, che ha mosso i primi passi nell’ex Unione Sovietica. Il contributo che il presente libro intende dare nell’ambito della germanistica straniera, della linguistica contrastiva e della lessicografia è quello di analizzare quali miglioramenti possano apportare alla pratica lessicografica le speculazioni teoriche derivanti dal confluire degli studi fraseologici e di quelli lessicografici. Chi si occupa di lessicografia ha la possibilità di mettere alla prova le sue teorie nel laboratorio del dizionario. Tale sperimentazione ha come conseguenza continui aggiustamenti sul piano teorico. In particolare, la riflessione metalessicografica sui problemi da risolvere per un efficace trattamento delle EI all’interno dei dizionari ha potuto trovare applicazione nel Dizionario di Tedesco e nel Dizionario Idiomatico Tedesco-Italiano dei quali sono stata coautrice. In tale veste mi sono resa conto di quali desiderata teorici non potevano essere esauditi o quali, invece, potevano essere soddisfatti solo sui piccoli numeri. Per contro, proprio lo studio della letteratura sull’argomento, con particolare riferimento all’opera di Burger e Dobrovol’skij, ha influito sulle mie scelte lessicografiche rendendole innovative rispetto a quanto fatto da chi mi ha preceduto (Gobber 2003). All’interno di questo lavoro sono naturalmente esposti anche i problemi che non sono stati risolti, del tutto o in parte. Sarebbe ad esempio auspicabile poter disporre in futuro di liste di frequenza, in mancanza delle quali si sono dovuti adottare...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.