Show Less

Mappe interculturali della letteratura italiana nel Risorgimento

Ugo Foscolo, Vincenzo Cuoco, Giuseppe Mazzini, Cristina Trivulzio di Belgiojoso, Giuseppe Gioachino Belli

Angelo Pagliardini

Il volume rilegge il rapporto fra identità italiana e letteratura del Risorgimento, analizzando scrittori di fasi cronologiche e tipologie testuali differenziate. Per abbattere l’idea che il Risorgimento italiano sia una costruzione chiusa e autoreferenziale, tutti gli autori sono stati sottoposti a una griglia di domande che costituiscono i parametri della ricerca. Come si definisce l’identità italiana? Come contribuisce la letteratura alla realizzazione nazionale concreta? Che rapporto c’è fra unità e culture locali? Come si colloca l’identità italiana all’interno di una rete europea? Il procedimento ha consentito di tracciare una serie di mappe letterarie interculturali del Risorgimento, che mostrano come gli stereotipi eroici dell’italianità siano in realtà posticci e artificiali.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

8. Conclusioni

Extract

La nostra analisi ha rilevato una distanza notevole fra l’apertura culturale della riflessione identitaria nei protagonisti del Risorgimento e la successiva storicizzazione ufficiale, nazionalistica e chiusa dell’identità letteraria italiana. L’applicazione della stessa griglia di parametri all’analisi delle opere di Foscolo, Cuoco, Mazzini, Trivulzio, Belli, ha consentito di individuare le coordinate comuni e le corrispondenze nei testi del corpus analizzato, nonostante gli autori appartengano a fasi diverse del Risorgimento e le tipologie testuali siano di generi diversi, dalla lirica alla poesia dialettale, dal romanzo al diario di viaggio all’epistolario, fino alla saggistica e al giornalismo. Tutti gli autori hanno elaborato un’idea di identità italiana come obiettivo culturale, sia i sostenitori e promotori del Risorgimento, sia il poeta dialettale, che ha dato voce alla cultura locale e popolare, così abbiamo potuto ricostruire uno spettro concettuale identitario plurale e sfaccettato. Come è tipico nella costruzione delle nazioni nell’Europa dell’Ottocento, la letteratura occupa una posizione centrale nella costruzione dell’identità italiana. Nel nostro lavoro è stata ricostruita la linea seguita a partire da Foscolo, poeta e filologo, che recupera e celebra l’opera e la figura di Dante, assegnandogli gli attributi del poeta nazionale italiano, anche se mitici e anacronistici per lo scrittore medievale. Nella stessa direzione, Mazzini, cospiratore e pensatore politico, considera la definizione di un canone letterario uno strumento fondamentale per la costruzione dello Stato nazionale. Per questo motivo promuove la formazione di un pantheon letterario risorgimentale, collocando in posizione centrale Dante e Foscolo, in modo tale che le due figure vengono accostate e sovrapposte. Foscolo...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.