Show Less

Michelangelo Buonarroti: Leben, Werk und Wirkung- Michelangelo Buonarroti: Vita, Opere, Ricezione

Positionen und Perspektiven der Forschung- Approdi e prospettive della ricerca contemporanea

Series:

Grazia Dolores Folliero-Metz and Susanne Gramatzki

Der Band bilanziert den in den vergangenen Jahren erarbeiteten Kenntnisstand zu Leben und Werk Michelangelo Buonarrotis und ergänzt ihn durch aktuelle Forschungsperspektiven. Die Beiträge aus der Literatur- und Kunstwissenschaft geben einen umfassenden Einblick in das vielfältige künstlerische Schaffen Michelangelos im Kontext seiner Epoche. Durch den interdisziplinären Ansatz werden die Querverbindungen zwischen ästhetischer Theorie und künstlerischer Praxis und zwischen den unterschiedlichen Ausdrucksformen Dichtung, Malerei, Skulptur und Architektur bei Michelangelo deutlich.
La miscellanea di studi interdisciplinari sulla vita, persona ed opera complessiva di Michelangelo Buonarroti esce a poco più di quarant’anni dall’ultima edizione critica delle Rime michelangiolesche (1960) ed anticipa il prossimo grande anniversario della morte dell’artista (1564-2014). Vi si presentano posizioni consolidate della ricerca contemporanea, integrate da nuove prospettive aperte dalla critica più recente. I diversi contributi di storia della letteratura, storia e teoria dell’arte permettono un ritratto a tutto tondo della poliedrica personalità ed opera michelangiolesca nel contesto della propria epoca, nonché evidenziano l’influsso da lui esercitato su artisti ed epoche successive.

Prices

Show Summary Details
Restricted access

II. Von der Dichtung zur bildenden Kunst: Michelangelos komplexes Opus / Da un difficile Linguaggio Poetico ad una Opera Figurativa difficile

Extract

II. Von derDichtung zurbildenden Kunst: Michelangelos komplexes Opus / Da un difficile Linguaggio Poetico ad una Opera Figurativa difficile Zwischen Tradition und, Innovation: Michelangelos Rime / Tradizionilinguistiche epoetiche, Traduzionie Tradimenti Il “gran restauro” : altre proposte di esegesi poetica michelangiolesca* Giorgio Masi ... l’arte rimembra agli anni la beltà ... Il lavoro sul testo delle rime di Michelangelo, il cui risultato a tutt’oggi più compiuto è ancora rappresentato dall’edizione critica allestita nel 1960 da Enzo Noè Girardi per gli “Scrittori d’Italia”, può dirsi tutt’altro che concluso. Alle difficoltà filologiche relative al corpus nel suo insieme, tuttora oggetto di discussione (ordinamento dei pezzi, natura e significa­ to del cosiddetto canzoniere), si affiancano quelle — non meno ostiche — legate alla corretta restituzione dei singoli componimenti. Da questo punto di vista, in particolare, esegesi e ecdotica procedono necessaria­ mente di pari passo: com’è ovvio, infatti, l’edizione del testo è vincolata alla piena comprensione del suo significato letterale, il quale, però, nel caso delle poesie di Michelangelo è spesso di difficile decifrazione. Qui si prenderanno in esame quattro componimenti caratterizzati per l’appunto da ambiguità interpretativa, ciascuno riferibile a un diverso tema esperito dal grande artista nelle sue rime: un testo di polemica anticuriale, uno amoroso, uno spirituale (nella forma della preghiera) e uno d’occasione e di corrispondenza (il ringraziamento per un dono ricevuto). 1. “ Qua si fa elmi, di calici, espade” Un esempio eloquente di ardua intelligibilità del dettato poetico è costi­ tuito dal celebre sonetto che reca iln ° 10 nell’edizione Girardi: Qua si fa elmi, di calici, e spade, e ’l...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.