Loading...

Italiano y español.

Estudios de traducción, lingüística contrastiva y didáctica

by Alicia López Márquez (Volume editor) Fernando Fernando Molina Castillo (Volume editor)
Edited Collection 588 Pages

Summary

Este volumen recoge las comunicaciones que se presentaron en el II Congreso Internacional de la Asociación Española de Lengua Italiana y Traducción (ASELIT), celebrado en Sevilla los días 24, 25 y 26 de octubre de 2016, y organizado por un grupo de italianistas de las Universidades de Sevilla y Pablo de Olavide.
Los trabajos reunidos son una muestra del buen hacer de un numeroso grupo de especialistas en traducción, lingüística contrastiva e didáctica del italiano, tanto españoles como italianos, como de otras nacionalidades, y tanto de estudiosos ya consagrados como de jóvenes italianistas.

Table Of Content

  • Cover
  • Título
  • Copyright
  • Presentación
  • Prefacio
  • Sobre el editores
  • Sobre el libro
  • Esta edición en formato eBook puede ser citada
  • Índice
  • Lista de autores
  • VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ IN INTERPRETAZIONE: TRA OGGETTIVITÀ E SOGGETTIVITÀ
  • Sección 1. Lingüística italiana
  • L’ITALIANO FIORENTINO DEI GIOVANI: UN APPROCCIO SOCIOLINGUISTICO
  • IL NUOVO VOCABOLARIO DI BASE DELLA LINGUA ITALIANA (NVDB): CHE COSA È CAMBIATO NEL VOCABOLARIO FONDAMENTALE
  • Sección 2. Traducción
  • TRADUCCIONES, ADAPTACIONES E IMITACIONES DE POEMAS CABALLERESCOS ITALIANOS DEL CICLO ORLANDIANO IMPRESAS EN ESPAÑA EN EL SIGLO XVI
  • LA PEREGRINACIÓN AL MANICOMIO EN “LA TIERRA SANTA” DE ALDA MERINI: ANÁLISIS TRADUCTOLÓGICO
  • I COMMENTARII DI LORENZO GHIBERTI (1378–1455): TRADUZIONE, STORIA E TEORIA DELL’ARTE
  • LA LINGUA DI VERGA: TRA CODICE COMUNICATIVO E MODELLO LETTERARIO
  • LA FORTUNA DI JUAN MAYORGA IN ITALIANO: IL CASO DI ANIMALI NOTTURNI
  • EUTANASIA, TEATRO Y TRADUCCIÓN: OCEAN TERMINAL, DE PIERGIORGIO WELBY
  • TRATAMIENTO DE LAS LOCUCIONES VERBALES EN LAS TRADUCCIONES AL ITALIANO DE CINCO HORAS CON MARIO
  • LETTURA CRITICA E TRADUZIONE. IL CASO DELLA NOVELLA LA ROBA DI GIOVANNI VERGA
  • LE “VOCI DI DENTRO”: TRADURRE DE FILIPPO IN SPAGNOLO
  • PRAGMÁTICA Y TRADUCCIÓN EN CINCO HORAS CON MARIO, DE MIGUEL DELIBES
  • TRADUZIONE ETICA. UN CASO PARTICOLARE: L’ITALIANO POETICO DI MONTALE AL BULGARO.
  • TRADUCCIÓN Y RETRADUCCIÓN AL ITALIANO DE LOS MARES DEL SUR. ANÁLISIS CONTRASTIVO DE LA TRASLACIÓN DE LOS REFERENTES CULTURALES PERTENECIENTES AL PATRIMONIO CULTURAL
  • LA TRADUCCIÓN AL ESPAÑOL DE LIBRETOS DE ÓPERA BELCANTÍSTICOS ITALIANOS: EL CASO DE LAS EDICIONES DEL TEATRO DE LA MAESTRANZA DE SEVILLA
  • LA TRADUCCIÓN GASTRONÓMICA: UN ESTUDIO SOBRE LOS PROBLEMAS DE TRADUCCIÓN EN LAS RECETAS
  • AL TEMPO DE’ TEMPI: METAMORFOSI NARRATIVE DELLE FIABE TRA IL DIALETTO DI GIUSEPPE PITRÈ E L’ITALIANO DI EMMA PERODI
  • GÓNGORA BAROCCO? IL FILTRO GENERAZIONALE TRA LORCA (CRITICO) E UNGARETTI (CRITICO-TRADUTTORE)
  • LA TRADUCCIÓN DE LA POESÍA DE DANTE
  • LA TRADUCCIÓN AL ESPAÑOL DE DIEGO FABBRI. ESTUDIO DE CASO
  • NOTAS SOBRE LA TRADUCCIÓN AL ESPAÑOL DE LA RAGAZZA CARLA DE ELIO PAGLIARANI
  • Sección 3. Lingüística contrastiva
  • LA TRADUZIONE DEI VERBI DEVERBALI ITALIANI IN SPAGNOLO. ANALISI DI UN CORPUS PARALLELO DI PROSA LETTERARIA CONTEMPORANEA.
  • EL PARTICIPIO DE PASADO REGULAR COMO SUSTANTIVO EN ESPAÑOL, Y LOS ASPECTOS CONTRASTIVOS MÁS SIGNIFICATIVOS EN SU TRADUCCIÓN AL ITALIANO
  • TEMPO E ASPETTO IN ITALIANO E IN GRECO: IL SISTEMA VERBALE ITALIANO E GRECO A CONFRONTO
  • L’USO DELLE PERIFRASI ASPETTUALI E MODALI
  • ACERCA DE LA TRADUCCIÓN AL ESPAÑOL DE LOS OPERADORES ARGUMENTATIVOS ITALIANOS INFATTI/DIFATTI MEDIANTE OBRAS LEXICOGRÁFICAS MONOLINGÜES Y BILINGÜES EN SINCRONÍA Y DIACRONÍA Y SU APARICIÓN EN LA PROSA ACTUAL TRADUCIDA AL ESPAÑOL.
  • Sección 4. Didáctica
  • IL RAPPORTO STARE + GERUNDIO/ESTAR + GERUNDIO NELLA DIDATTICA DELL’ITALIANO PER ISPANOFONI: UNA QUESTIONE DI CONTRASTIVITÀ.
  • L’APPRENDIMENTO MOBILE OLTRE LA CLASSE DI ITALIANO LS: ATTEGGIAMENTI E PUNTI DI VISTA DEGLI APPRENDENTI A CONFRONTO
  • LENGUA REAL VS LENGUA LITERARIA: EL TEXTO EN UNA CLASE DE ITALIANO LS. EL TRABAJO CON FICHAS
  • PROSODIA E ACQUISIZIONE DEL MARCATORE DISCORSIVO MA IN ITALIANO L2
  • UNA STRATEGIA DIDATTICA PER INDIVIDUARE, FIN DAI PRIMI CONTATTI, GLI APPRENDENTI CON DISTURBI SPECIFICI DELL’ APPRENDIMENTO NELLE CLASSI LINGUISTICHE DELL’ITALIANO COME LS
  • APPROCCIO ORIENTATO ALL’AZIONE E GESTIONE DELL’INTERAZIONE IN CLASSE PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA INTERAZIONALE.
  • GLI STEREOTIPI NEI MANUALI DI LINGUA E CULTURA ITALIANA: COME CONVERTIRLI IN RISORSA PER L’APPRENDIMENTO?
  • LA DIDATTIZZAZIONE DEL TESTO LETTERARIO
  • IL DOPPIO RACCONTO: PRATICHE DI CONSAPEVOLEZZA INTERCULTURALE
  • I DISPOSITIVI MOBILI E I RISPONDITORI PER L’APPRENDIMENTO
  • IL CENTRO APLA: UN PROGETTO PER L’INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO LINGUISTICO AUTONOMO
  • Lista de figuras
  • Lista de tablas
  • Obras publicadas en la colección

Lista de autores

Rosa María Rodríguez Abella

Università degli Studi di Verona

rosa.rodríguez@univr.it

Andrea Artusi

Universitat de València

andrea.artusi@uv.es

Maria Vittoria Ambrosini

Universitat Autònoma de Barcelona

ambromavi@yahoo.it

Carmelo Averna

Universidad de Sevilla

carmeloave@hotmail.it

Lorenzo Bartoli

Universidad Autónoma de Madrid

lorenzo.bartoli@uam.es

Marilisa Birello

Universitat Autònoma de Barcelona

marilisa.birello@gmail.com

Rosaria Bottari

I.S. "G. Minutoli" di Messina

rosaria.bottari@hotmail.it

Juan Carlos De Miguel Y Canuto

Universitat de València

juan.c.miguel@uv.es

Giovanni Caprara

Universidad de Málaga

caprara@uma.es

Athanasia Drakouli

U. degli Studi di Creta

a.drakoulia@uoc.gr

←15 | 16→

Roberta Ferroni

Universidade de São Paulo

robertaferronibr@gmail.com

Marzia Grasso

Universidad de Sevilla - Universidad Pablo de Olavide

marzia.grasso.7@gmail.com

Maria Carreras i Goicoechea

Università di Catania

mcarreras@unict.it

Irene Alacreu Gómez

Universidad Complutense de Madrid

alacreu22@gmail.com

Domenico Daniele Lapedota

SSML Nelson Mandela (Italia)

domenico.lapedota@ssmlnelsonmandela.it

Attilio Manzi

Universidad de Sevilla

attmanzi@gmail.com

Sofia Mamidaki

U. degli Studi di Roma “Tor Vergata”

mamidaki.sofia@gmail.com

Giorgia Marangon

Università di Córdoba

lr1marmg@uco.es

Víctor Anguita Martínez

Universidad de Málaga

victoranguitamartinez@gmail.com

Francisco José Rodríguez Mesa

Universidad de Córdoba

francisco.rodriguez.mesa@uco.es

Georgia Milioni

Università Nazionale e Kapodistriaca di Atene

gmilioni@ill.uoa.gr

←16 | 17→

José Francisco Medina Montero

Università di Trieste

jmedina@units.it

Anna Nencioni

Universidad de Salamanca

nenci@usal.es

Juan Varela-Portas de Orduña

Universidad Complutense de Madrid

jivarelaportas@filol.ucm.es

Rocío Vigara Álvarez de Perea

Universidad de Málaga y Università di Bologna

rociovigara@gmail.com

Elitza Popova

Universidad de Barcelona

popovaelitza@gmail.com

Cesáreo Calvo Rigual

Universitat de València – IULMA

cesareo.calvo@uv.es

Lupe Romero

Universidad Autónoma de Barcelona

lupe.romero@uab.cat

Fabiana Rosi

Università di Salerno

frosi@unisa.it

Fabrizio Ruggeri

Universidad Complutense de Madrid

fruggeri@ucm.es

Mariachiara Russo

Università di Bologna

mariachiara.russo@unibo.it

Helena Aguilà Ruzola

Universitat Autònoma de Barcelona

helena.aguila.ruzola@gmail.com

←17 | 18→

Marina Sanfilippo

Universidad Nacional de Educación a Distancia

msanfilippo@flog.uned.es

Monica Savoca

Università di Catania

monicamaria.savoca@gmail.com

Antonia Mele Scorcia

Euskaditalia, Centro di Lingua e Cultura Italiana

meleanto@gmail.com

Maria Anna Di Stefano

Universidad Complutense de Madrid

distefanomarianna@gmail.com

Luis Luque Toro

Università Ca’ Foscari di Venezia

luque@unive.it

Leonarda Trapassi

Universidad de Sevilla

ltrapassi@us.es

Giuseppe Trovato

Università Ca’ Foscari Venezia

giuseppe.trovato@unive.it

Nuria Pérez Vicente

Università di Macerata

nuria.perezvicente@unimc.it

Leonardo Vilei

Universidad Complutense de Madrid

lvilei@ucm.es

Mariachiara Russo

VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ IN INTERPRETAZIONE:
TRA OGGETTIVITÀ E SOGGETTIVITÀ

Introduzione

La capacità di interpretare il discorso di una persona comporta numerose competenze e abilità cognitive tra cui la conoscenza dei codici linguistici, l’inferenza, l’attivazione di conoscenze condivise e di schemi concettuali presenti nella memoria. Ciò avviene sia che si tratti di interpretare, e quindi di comprendere, una persona di cui si condivide il codice linguistico sia che, come nel caso dell’interprete professionista, si debba interpretare tra due codici diversi. In questo caso, entrano in gioco anche altre competenze poiché l’interprete riceve, ma anche trasmette, l’intenzione comunicativa di un parlante espressa con mezzi sia verbali che non verbali. Ciò richiede capacità di analisi, memorizzazione e riproduzione veloce e fedele del significato originale (Gile 1988, 1997), sua anticipazione (Chernov 1994), sdoppiamento dell’attenzione per poter ascoltare e parlare allo stesso tempo, nel caso dell’interpretazione simultanea, oppure per organizzare le informazioni stoccandole in memoria e su un supporto cartaceo, nel caso dell’interpretazione consecutiva (Allioni 1997) e, infine, conoscenza metalinguistica esplicita, ovvero la capacità di stabilire consapevolmente equivalenze tra elementi di due codici linguistici attivati contemporaneamente (Paradis 1994).

Naturalmente queste specifiche abilità vengono sviluppate nel tempo con il supporto di un’adeguata formazione, ma non di meno risulta particolarmente complesso il compito perché il suo buon esito dipende anche da fattori esterni su cui l’interprete non ha controllo quali, ad esempio, la pronuncia e la velocità di eloquio dell’oratore, la qualità dell’audio, la densità informativa, la modalità di presentazione del testo (ovvero che venga letto, improvvisato o una combinazione delle due).

Si comprende, dunque, come la valutazione della prestazione di un interprete non possa non tener conto delle condizioni in cui viene effettuata, il che rende ulteriormente articolato il compito del valutatore, già di per sé impegnato a distinguere tra fattori oggettivi e soggettivi che determinano il giudizio. In questo saggio verranno toccate diverse dimensioni della valutazione, partendo da una prima distinzione tra prestazione ideale e prestazione possibile, a cui farà seguito ←19 | 20→un breve excursus dei principali contributi sulla valutazione della qualità della prestazione dell’interprete per assicurare l’oggettività di giudizio. Il concetto di qualità verrà successivamente considerato oltre il testo prodotto dall’interprete e alla luce delle caratteristiche e aspettative degli utenti. Verrà poi approfondito un altro fattore esterno al testo che ne determina la qualità, ovvero la coppia di lingue di lavoro, illustrando le specificità dell’interpretazione del binomio spagnolo-italiano. Infine, verranno descritti due esempi di oggettività e soggettività nella valutazione dell’interpretazione.

1. Prestazione ideale e prestazione possibile

Se si valuta la qualità di un servizio, di un bene o di un prodotto, la prospettiva cambia a seconda di chi ne usufruisce: l’utente, infatti, giudica in che misura viene soddisfatto il suo bisogno, ma anche in che misura corrisponde alla sua rappresentazione di caratteristiche ideali. Nel caso dell’interpretazione, si tratta di soddisfare bisogni comunicativi per un “cliente” in un contesto professionale, ad esempio un delegato in un’assemblea multilingue che deve interagire con altri delegati, oppure di soddisfare bisogni pedagogici se chi valuta è un docente di interpretazione che deve verificare il raggiungimento di determinati obiettivi formativi in un contesto didattico. In entrambi i casi, chi valuta nutre delle aspettative di qualità, ma è soprattutto nel secondo caso che la valutazione attinge anche a criteri e norme condivise, come vedremo in seguito (§ 2).

La ricerca sulla qualità in interpretazione ha seguito diversi filoni. Straniero Sergio così la sintetizzava nel 2003:

La ricerca sulla qualità in interpretazione simultanea sembra polarizzata, se non paralizzata, nelle due direzioni seguenti:

1) Studi speculativi che indicano come un testo ‘può’, ‘deve’ o ‘avrebbe dovuto essere tradotto’

2) Studi sperimentali o case-study che analizzano prestazioni individuali alla luce di criteri qualitativi prestabiliti.

Come vedremo (§ 3), un’altra proficua linea di ricerca sulla qualità si incentra sulla valutazione degli utenti del servizio di interpretazione tramite questionari.

Nella prima linea di ricerca menzionata da Straniero Sergio, di stampo normativo, prevale un concetto di interpretazione ideale che non tiene sufficientemente conto delle condizioni in cui l’atto interpretativo effettivamente si realizza. Il secondo, di impronta analitico-descrittiva, comprende studi ancora incentrati sul testo prodotto dall’interprete, che viene valutato alla luce di criteri linguistici, paralinguistici, semantici e pragmatici.

←20 |
 21→

Quest’ultima prospettiva, prevalentemente aneddotica, è oggi arricchita da un nuovo approccio allo studio dell’interpretazione basato su corpora: studi osservazionali quantitativi e qualitativi condotti su una vasta quantità di discorsi originali e interpretati consentono di formulare e testare ipotesi e giungere a conclusioni significative di tendenze generali, estrapolabili anche ad altri contesti valutativi. Tali studi condotti su corpora di prestazioni realizzate in reali condizioni lavorative contribuiscono ad introdurre nella valutazione anche il peso dei fattori contestuali, quindi di considerare anche positivamente una interpretazione incompleta se le condizioni non permettevano di fare altrimenti (per la velocità di eloquio dell’oratore, ad esempio). Si può parlare quindi di una interpretazione “possibile” (date le condizioni) e non necessariamente “ideale”. In particolare, hanno contributo a questo sviluppo gli studi di Straniero Sergio che ha raccolto il maggiore corpus di interpretazioni televisive, in particolare tratte dalla Formula 1 (2003) e dai talk show (2007), ma anche quelli basati su corpora tratti sia dalle sedute del Parlamento europeo (che sono oggi anche disponibili on-line), quali l’European Parliament Interpreting Corpus, EPIC1 (Monti et al. 2005, Russo et al. 2012) e quelli che si sono ispirati ad EPIC (Russo 2019) o corpora di interpretazione tratti da altri contesti (se ne possono trovare esempi significativi in Russo et al. 2018).

2. Misurazione della qualità: criteri e norme

2.1 I criteri

La misurazione della qualità in interpretazione ha subìto una significativa evoluzione nel corso del tempo. All’inizio sono stati considerati solo gli aspetti linguistici della produzione verbale dell’interprete, e solo successivamente si è tenuto conto anche degli aspetti cognitivi, pragmatici e contestuali che la condizionano, nonché della dimensione prosodica che influenza la valutazione.

Il primo importante studio sulla valutazione della qualità è stato condotto da Barik (1975/2002) “Simultaneous interpretation: qualitative and linguistic data” che ha analizzato le prestazioni di sei soggetti: due interpreti professionisti, due ←21 | 22→studenti di interpretazione e due bilingui senza esperienza di interpretazione. Ha confrontato le trascrizioni del loro testo d’arrivo rispetto al testo di partenza e ha constatato l’occorrenza di quattro categorie di fenomeni: omissioni, aggiunte, sostituzioni ed errori. Il limite di questo approccio è il non aver tenuto conto della dimensione prosodica e strategica della performance dell’interprete, infatti ciò che potrebbe venire considerata un’omissione semantica potrebbe essere stata espressa tramite l’intonazione o una condensazione del significato. Nonostante l’incompletezza dell’approccio, dal punto di vista della nomenclatura, però, le categorie d’analisi proposte da Barik vengono ancora da molti applicate.

Il “Modello degli sforzi” elaborato da Gile (1988, 1997) colloca l’analisi degli errori in interpretazione per la prima volta in una dimensione cognitiva. Un interprete compie contemporaneamente degli sforzi in concorrenza fra loro per le risorse mentali disponibili: analisi, memorizzazione, produzione e coordinamento. L’interprete ascolta e analizza il discorso in arrivo, lo memorizza nella memoria di lavoro per il tempo necessario e rievoca dalla memoria a lungo termine gli equivalenti che deve produrre in lingua d’arrivo. Dal momento che si tratta di sforzi concomitanti e non sequenziali, deve coordinarli spostando l’attenzione ove richiesto. Il modello di Gile è valutativo e diagnostico al tempo stesso: l’errore può essere dovuto a un maggiore sforzo a scapito degli altri due compiti (o sforzi) cognitivi. Ad esempio, se deve destinare maggiore attenzione (sforzo) a comprendere il discorso dell’oratore a causa di un accento peculiare, riuscirà a destinare minori risorse per memorizzarlo e riprodurlo. Per l’interprete in formazione è più importante valutare la qualità del processo, mentre per l’interprete professionista la qualità del prodotto.

Un successivo contributo alla valutazione della qualità in interpretazione concepita come servizio è stato avanzato da Viezzi (1999) “Aspetti della qualità nell’interpretazione” che contempla quattro categorie generali: equivalenza, accuratezza, adeguatezza, fruibilità. L’equivalenza sottintende un’equivalenza di valore tra il testo di arrivo e quello di partenza, per accuratezza si intende fedeltà semantica e di registro al testo di partenza, per adeguatezza si intende utilizzo di mezzi espressivi che tengono conto sia del pubblico che del contesto comunicativo e, infine, per fruibilità si intende un discorso d’arrivo che non richieda un eccessivo sforzo di rielaborazione da parte dell’utente per essere compreso.

La dimensione paralinguistica come fattore di percezione della qualità della produzione verbale dell’interprete è stata introdotta da Collados Aís (1998/2002) “Quality assessment in simultaneous interpreting: the importance of nonverbal communication”. Nei suoi studi sperimentali, l’autrice ha dimostrato come aspetti legati alla forma (intonazione, fluenza, accento) condizionino fortemente il giudizio degli utenti sulla qualità del contenuto (fedeltà, accuratezza).

←22 |
 23→

Successivamente, una scala di valutazione sufficientemente analitica che tiene conto, cioè, della molteplicità dei criteri necessari è stata proposta da Kalina (2002) (Tab. 1):

Tab. 1: Criteri proposti da Kalina (2002), traduzione mia

Contenuto semantico

Prestazione linguistica

Presentazione

Fedeltà

Correttezza grammaticale

Qualità della voce

Coerenza logica

Aderenza alle norme della lingua d’arrivo

Articolazione

Completezza

Comprensibilità

Abilità oratoria

Accuratezza

Adeguatezza stilistica

Autocontrollo

Assenza di ambiguità

Adeguatezza terminologica

Simultaneità

Chiarezza

Prosodia

Dominio della tecnica

Affidabilità

Assenza di disfluenze

Condotta

Il tema della qualità in interpretazione continua ad essere al centro della riflessione di docenti e studiosi di interpretazione per la sua duplice valenza didattica e professionale. Ad oggi, per quanto mi è dato sapere, solo tre conferenze sono state dedicate esclusivamente a questo tema in modo vasto ed esaustivo. Tutte hanno avuto luogo in Spagna: First and Second International Conference on Interpreting Quality (ICIQ1 e ICIQ2) svoltesi ad Almuñecar nel 2001 (Collados Aís et. al., 2003) e nel 2011 rispettivamente (Barranco Droegue et al., 2013), e la Third International Conference on Interpreting Quality (ICIQ3) svoltasi a Granada nel 2017 (Barranco-Droegue, Rafael, 2019).

Infine, uno studio recente svolto da Bua (2015) per la sua tesi di laurea magistrale ha preso in esame 146 articoli sulla qualità in interpretazione pubblicati tra il 2004 e il 2014 e suddivisi in prospettiva professionale (41%), prospettiva accademica (32%) e prospettiva didattica (27%). Dopo un approfondito esame della molteplicità di approcci, Bua giunge alla conclusione che l’unico consenso raggiunto al riguardo sembra essere che “dipende…”, implicando cioè che la qualità in interpretazione alla fine va studiata “sul campo” prendendo in considerazione quante più variabili situazionali e contestuali possibili.

2.2 Le norme

Oltre ai criteri sopra esposti, la prestazione dell’interprete viene valutata anche alla luce di norme deontologiche e criteri miranti a certificare la professionalità dell’interprete in diversi ambiti di attività. Una delle prime norme ad affermarsi ←23 | 24→nel mondo dell’interpretazione è quella dell’interprete come “onesto portavoce”, capace cioè di rendere il messaggio in modo completo e senza essere influenzato dalle proprie idee e dai propri modi di esprimersi: “re-express the original speaker’s ideas and the manner of expressing them as accurately as possible and without significant omissions” (Harris, 1990: 118). Questa norma pone l’accento sull’accuratezza e la fedeltà del messaggio che indubbiamente costituisce una priorità, tuttavia, l’interprete si trova spesso anche davanti alla scelta di quali mezzi linguistici utilizzare, e, quindi, deve tener conto di due tipologie di norme pragmatiche: norme iniziali e norme operative (Schjoldager 1995/2002, sulla scorta delle initial and operational norms proposte per la traduzione da Toury nel 1980). Le norme iniziali riguardano l’opzione di seguire la norma dell’accuratezza (fedeltà al testo di partenza) oppure dell’adeguatezza (fedeltà al pubblico d’arrivo), mentre le norme operative si riferiscono alle espressioni linguistiche effettivamente impiegate.

I codici deontologici delle associazioni professionali forniscono un’altra serie di norme in base alle quali valutare la prestazione dell’interprete; tra queste si ricordano, in particolare, la fedeltà, l’imparzialità, la neutralità e la confidenzialità. Infine, anche gli standard e le certificazioni professionali sono volti a fornire dei criteri oggettivi per assicurare la qualità in interpretazione; tra questi si annoverano la norma ISO 13611/2014 – Linee guida per l’interpretazione di comunità, la norma UNI 11591/2015 – Requisiti per attività professionale del traduttore e dell’interprete – professioni non regolamentate, e la norma ISO 20228/2019 – Interpreting services, Legal interpreting, Requirements.

3. Qualità: oltre il testo prodotto dall’interprete e percezione degli Utenti.

Oltre agli aspetti linguistici, paralinguistici, pragmatici e normativi della valutazione dell’interpretazione, vi è una serie di fattori che hanno un effetto sulla qualità della prestazione dell’interprete. Kalina (2002) identifica quattro principali fattori determinanti: condizioni che precedono e sono preliminari alla prestazione dell’interprete (pre-process prerequisites), condizioni esterne e circostanziali al processo (peri-process prerequisites), condizioni interne al processo (in-process prerequisites) e condizioni che fanno seguito al processo (post-process prerequisites).

Le condizioni preliminari sono:

Abilità e competenze dell’interprete

specifiche del contratto

←24 |
 25→

Definizione dei compiti

Preparazione

Le condizioni circostanziali sono:

Numero dei partecipanti

Lingue di lavoro

Impianto tecnico

Posizione della cabina

Composizione e competenza dell’équipe

Orario di lavoro e durata dell’evento

Combinazioni linguistiche

Quantità/qualità del relais

Disponibilità di documentazione

Informazione sul programma dei lavori

Le condizioni interne al processo sono:

Conoscenze, presupposti e implicature

Condizioni di presentazione del testo di partenza

Requisiti della lingua d’arrivo

Competenza interazionale

Le condizioni successive al processo sono:

Ripasso della terminologia

Documentazione

Controllo della qualità (ascolto della propria prestazione registrata durante l’evento)

Formazione continua

Specializzazione

Aggiornamento sulle nuove tecnologie

Come si può notare, la valutazione di un interprete professionista dovrebbe tener conto di tutti questi fattori, ma, naturalmente, chi usufruisce dell’interpretazione in una conferenza o in altro contesto comunicativo difficilmente può rendersi conto di tutta la complessità. Nel corso degli anni, numerosi questionari sulla qualità in interpretazione si sono concentrati su due principali dimensioni: le aspettative sulla qualità del servizio di interpretazione e la valutazione della qualità del servizio ricevuto.

Dalle indagini si evince che le aspettative e le percezioni variano ampiamente a seconda della tipologia dell’utente, come pure la gerarchia dei criteri. Tra la grandissima quantità di indagini sulla qualità pubblicate, ricordiamo i seguenti studi che si distinguono per la varietà di popolazioni intervistate: Bühler (1986) ha ←25 | 26→intervistato interpreti, Kurz (1993/2002) ingegneri, medici e delegati del Consiglio d’Europa, Kurz e Pöchhacker (1995) professionisti televisivi, Chiaro e Nocella (2004) interpreti via web e Russo (2005) pubblico di festival cinematografici.

Un esempio della diversità di giudizio per gli stessi criteri a seconda della tipologia di utente si può osservare nello studio di Kurz e Pöchhacker (1995: 352) che mette a confronto i risultati delle risposte fornite da professionisti della televisione e partecipanti a conferenze (Tab. 2):

Tab. 2: Classifica comparativa dei criteri di qualità, traduzione mia

Criterio

Professionisti della televisione

(n = 9)

Partecipanti a conferenze

(n = 124)

Accento nativo

2.84 (6)

2.37 (8)

Voce piacevole

3.47 (3)

2.6 (6)

Scorrevolezza

3.32 (4)

3.1 (5)

Coesione logica

3.68 (2)

3.46 (2)

Fedeltà semantica

3.84 (1)

3.69 (1)

Completezza dell’interpretazione

2.53 (8)

3.2 (4)

Correttezza grammaticale

2.79 (7)

2.6 (6)

Corretto uso della terminologia

Details

Pages
588
ISBN (PDF)
9783631816189
ISBN (ePUB)
9783631816196
ISBN (MOBI)
9783631816202
ISBN (Hardcover)
9783631790564
Language
Spanish
Publication date
2020 (May)
Tags
Lengua italiana Traducción Lingüística contrastiva Didáctica del italiano Literatura italiana
Published
Berlin, Bern, Bruxelles, New York, Oxford, Warszawa, Wien, 2020. 588 p., 37 il. blanco/negro, 84 tablas

Biographical notes

Alicia López Márquez (Volume editor) Fernando Fernando Molina Castillo (Volume editor)

Alicia M. López Márquez es profesora de lengua italiana y traducción en el Departamento de Filología y Traducción (Facultad de Humanidades) de la Universidad Pablo de Olavide de Sevilla. Fernando Molina Castillo es profesor de lengua y literatura italianas en el Área de Filología Italiana(Facultad de Filología) de la Universidad de Sevilla.

Previous

Title: Italiano y español.