Show Less
Restricted access

Italiano e Dintorni

La realtà linguistica italiana: approfondimenti di didattica, variazione e traduzione

Series:

Giovanni Caprara and Giorgia Marangón

Il volume riunisce trentatré contributi di carattere multidisciplinare e offre ai lettori una visione complessiva e attuale della realtà composita della lingua italiana e delle sue traduzioni. Le prime pagine sono firmate dal professor Gaetano Berruto, dell'Università di Torino e dalla professoressa Elena Pistolesi, dell'Università di Modena e Reggio Emilia. Seguono lavori suddivisi in quattro blocchi tematici: variazione linguistica, didattica della lingua italiana, linguistica contrastiva e traduzione da e verso l’italiano. In questo modo gli autori intendono proporre una nuova prospettiva sull’italianistica che troppo spesso si concentra soltanto sullo studio della letteratura.

Show Summary Details
Restricted access

L’insegnamento della variazione sociolinguistica nei manuali di insegnamento dell’italiano per stranieri (Linda Garosi)

Extract

← 90 | 91 →

Linda Garosi

Universidad de Córdoba

L’insegnamento della variazione sociolinguistica nei manuali di insegnamento dell’italiano per stranieri

È utile iniziare il presente contributo con un esempio significativo di quanto si dirà sulla presenza e l’insegnamento della variazione sociolinguistica dell’italiano contemporaneo nei manuali per stranieri. Il sottotitolo del testo giornalistico su cui si incardina la prima parte dell’unità 9 del corso L’italiano all’università 2 recita: “All’estero ci sfottono come sempre. Maleducati, gradassi, incapaci con le lingue, mangioni e donnaioli. La nostra immagine nel mondo continua a essere sempre la stessa. Perché?” (2013: 161). La presenza del verbo “sfottere” rivela una moderata apertura verso la variabilità della lingua non solo per quanto riguarda il modello di lingua da insegnare scelto dagli autori del libro, ma anche perché è oggetto della riflessione metalinguistica che viene proposta in un esercizio, a nostro avviso, particolarmente significativo per diverse ragioni. Innanzittutto, il breve glossario che precede il testo e le attività di comprensione attirano l’attenzione del discente non solo sul significato delle singole parole contenute nell’articolo, che questi si accinge a leggere, ma nel caso specifico del verbo “sfottere”, da un lato si mette in evidenza la relazione di sinonimia con “deridere”, grazie all’uso della stessa locuzione verbale “prendere in giro” nella definizione, e dall’altro sottolinea l’appartenenza di questi sinonimi a registri differenti. Tale diversità diafasica è suggerita dai rimandi al contesto d’uso proprio di ogni termine: da quello più formale di “deridere” a quello informale di “sfottere”. Grazie...

You are not authenticated to view the full text of this chapter or article.

This site requires a subscription or purchase to access the full text of books or journals.

Do you have any questions? Contact us.

Or login to access all content.