Show Less
Restricted access

Francese-italiano, italiano-«patois»: il bilinguismo in Valle d’Aosta fra realtà e ideologia

Series:

Daniela Puolato

In Valle d’Aosta il francese, lingua ufficiale al pari dell’italiano, è quasi assente negli usi quotidiani dei parlanti, ma sopravvive in nicchie d’uso specifiche, mentre il patois francoprovenzale spicca nella sua funzione di lingua simbolo d’identità/alterità etnoculturale.
Obiettivo della ricerca è l’analisi dei rapporti reciproci fra l’idioma nazionale e le varietà galloromanze negli usi e negli atteggiamenti di un significativo campione di adolescenti aostani, sulla base delle loro (auto)valutazioni e dei loro giudizi linguistici.
L’interesse per i problemi teorico-metodologici connessi alla tecnica d’inchiesta promuove la logica interna di costruzione del questionario a criterio interpretativo. Il questionario si trasforma in una «guida cognitiva» attraverso cui i dati prendono forma e si concretizzano nell’atto di risposta. Le scale di risposta istituiscono «norme di comportamento» che gli informatori attribuiscono agli altri ed a se stessi.
Innovativa, sia sul versante metodologico che per i risultati emersi, è l’attenzione riservata a tendenze marginali rivelate da sottogruppi che esibiscono atti di risposta «devianti» rispetto al campione globale.
Dal contenuto: Francofonia – Sociolinguistica urbana – Sociologia del linguaggio – Plurilinguismo – Identità/alterità linguistica – Politica linguistica – Atteggiamenti linguistici – Minoranze linguistiche – Minoranze etniche.